Tag: centrale di spinta

Scoperto il Tritone. Salverà la Valle Peligna dalla centrale Snam? Il sito culla dell’anfibio specie protetta

A cura di Maria Trozzi

Un po’ come Davide e Golia nella battaglia narrata dalla Bibbia, a sfidare il temibile gigante oggi però non è un pastorello armato di fionda, ma una creaturina di appena 16 centimetri, un Tritone crestato che con quelli della sua specie protetta (di interesse comunitario – scrivono in una nota al sindaco Casini gli esperti Di Felice (Pro Natura) e Di Tizio (Wwf) – la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione), nuota in una pozza d’acqua proprio a Case Pente di Sulmona, il suo areale coincide in parte con l’area in cui a breve costruiranno la centrale di spinta della Snam, progetto Rete adriatica.

Aggiornamento 1 e 2

Immagini e copertina Maria Trozzi

Continua a leggere “Scoperto il Tritone. Salverà la Valle Peligna dalla centrale Snam? Il sito culla dell’anfibio specie protetta”

Scacco al Tap, inidoneo per il Parlamento europeo. Si valuti anche il Rete adriatica

Scacco matto al Trans adriatic pipeline, il famigerato gasdotto Tap arriva al Parlamento europeo e la relazione sul progetto è davvero impietosa, vera. Il Tap è inidoneo per un investimento da parte della Bei (Banca europea per gli investimenti), dice l’Europa e non dovrebbe essere preso in considerazione a fini di finanziamento da qualsiasi banca che aspiri a investimenti responsabili sul piano sociale e ambientale. Stesso discorso andrebbe fatto per il progetto Rete adriatica che va sottoposto all’esame del Parlamento europeo, a questo punto, perché finanziato dalla stessa banca e per gli stessi interessi. Parliamo di un altro famigerato progetto, il metanodotto che si allaccia al Trans adriatic pipeline, proprio a Brindisi, per poi svilupparsi lungo la dorsale appenninica, in aree a massimo rischio sismico sino a Minerbio. Del progetto è stata recentemente approvata anche la costruzione della centrale di compressione del metano, da installare a Sulmona (Aq) un anno dall’avvio del monitoraggio. Continua a leggere “Scacco al Tap, inidoneo per il Parlamento europeo. Si valuti anche il Rete adriatica”

Navelli contro il Metanodotto Rete adriatica Federico: ‘Il governo dimissionario non è interlocutore politico’

Il tratto Sulmona-Foligno del metanodotto Rete adriatica arriva sino all’Aquila nel cuore del cratere sismico del 2009. Da Sulmona la centrale di  compressione del metano, autorizzata il 9 marzo dalla presidenza del consiglio dei ministri, a Case pente spingerà il gas naturale nella condotta che in un tunnel impressionante attraverserà le sorgenti del Pescara nel bel mezzo di uno dei bacini imbriferi tra i più grandi d’Europa, per poi sparare sull’aquilano.

Aggiornamento 1 e 2 Continua a leggere “Navelli contro il Metanodotto Rete adriatica Federico: ‘Il governo dimissionario non è interlocutore politico’”

Incontro dei Comitati cittadini per l’Ambiente in Municipio giovedì

Sulmona (Aq). Giovedì alle ore 15 nell’aula consiliare di palazzo San Francesco si terrà un incontro dei Comitati cittadini per l’ambiente per discutere sulle conseguenze negative, per l’economia locale, che potrebbero derivare dalla costruzione della centrale di compressione del metano, progetto Rete adriatica. La delibera del 22 dicembre 2017 della presidenza del consiglio dei Ministri e il decreto emanato lo scorso 8 marzo, autorizzano la costruzione e l’esercizio della centrale di spinta del gas naturale a Case Pente. Nell’incontro si tratterà anche dell’adesione alla manifestazione del 21 aprile organizzata in città contro l’imposizione della centrale, dei progetti che hanno come finalità l’hub del gas e per decidere su altre forme di protesta.

No Snam, incontro a Pescara. Mazzocca: Strategia comune Contro Centrale e Metanodotto

Pescara. Poco il tempo a disposizione, ma tutte le forze sono in campo e si stanno organizzando. Oggi nel capoluogo adriatico importante incontro tra il sottosegretario regionale Mario Mazzocca, il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, il vice sindaco Mirella Iommi, i rappresentanti delle associazioni ambientaliste Wwf e Legambiente, Luciano Di Tizio e Giuseppe Di Marco, e Antonio Castricone con i legali che, su diversi fronti, raccolgono dati e preparano il ricorso al Tribunale amministrativo regionale contro la delibera del Consiglio dei ministri del 22 dicembre e per fermare la centrale di spinta del metano cuore pulsante del metanodotto Rete Adriatica. 

Continua a leggere “No Snam, incontro a Pescara. Mazzocca: Strategia comune Contro Centrale e Metanodotto”

Questione Centrale di spinta e Gasdotto Snam: Fuori da strumentalizzazioni elettorali

L’Aquila. Il Consigliere regionale Mauro Febbo è benvenuto sulla questione del gasdotto Snam. A fare gli onori di casa il presidente della commissione regionale ambiente e territorio Pierpaolo Pietrucci che da tempo si occupa del problema così la giunta regionale.

Continua a leggere “Questione Centrale di spinta e Gasdotto Snam: Fuori da strumentalizzazioni elettorali”

Autorizzazione Centrale Snam e dimissioni, 17 sindaci chiedono a Casini di ritirarle

A poche ore dalla scadenza del termine che renderebbe irrevocabili le dimissioni del sindaco Annamaria Casini 16 sindaci della valle Peligna invitano il sindaco di Sulmona di ritirare le dimissioni date dopo l’autorizzazione della centrale di spinta Snam e ribadiscono con forza la necessità per tutto il comprensorio di tornare ad avere una figura istituzionale di riferimento con pieni poteri, evitando così l’arrivo di un commissario. 

Aggiornamento

Continua a leggere “Autorizzazione Centrale Snam e dimissioni, 17 sindaci chiedono a Casini di ritirarle”

Vertenze Ambientali Sulmona e Bomba tra aule di tribunale e diplomazia

L’Aquila. Bomba e Sulmona sono state le località abruzzesi al centro delle decisioni dell’ultimo incontro della giunta regionale del 2017. Il 29 dicembre con 2 delibere l’esecutivo regionale spostano il campo di battaglia delle vertenze ambientali nelle aule giudiziarie.

Continua a leggere “Vertenze Ambientali Sulmona e Bomba tra aule di tribunale e diplomazia”

Forza Italia: Casini si dimetta per i suoi fallimenti non per Snam

Sulmona (Aq). Il sindaco Annamaria Casini si dimetta per i suoi fallimenti amministrativi, anziché approfittare della vicenda della centrale di compressione Snam che in questo momento appare solo il terreno per mettere in scena una pantomima dall’esito scontato, cioè il ritiro delle sue dimissioni” scrive in un comunicato Forza Italia Sulmona che critica le dimissioni del primo cittadino scattate dopo l’autorizzazione della presidenza del consiglio dei ministri alla centrale di compressione del metano del progetto Snam Rete Adriatica. 

Continua a leggere “Forza Italia: Casini si dimetta per i suoi fallimenti non per Snam”

Autorizzazione Centrale Snam. La Regione ha tenuto all’oscuro sulla Imminente Decisione

Sulmona (Aq). Peligni tenuti all’oscuro per non intralciare ancora il progetto Snam Reteadriatica, è la denuncia di Orsa Pro Natura Peligna sull’autorizzazione della centrale di spinta del gas a Case Pente. Che l’iter per la valutazione della centrale di compressione del metano fosse arrivato al capolinea era noto da quando l’associazione, il 25 gennaio 2015, informò della conclusione della procedura, ma nessuno in Regione si è degnato di informare la comunità della  imminente deliberazione del consiglio dei ministri sull’autorizzazione dell’impianto. Eppure a Roma, al tavolo decisorio, il 22 dicembre era presente la Regione, esattamente con Giovanni Lolli, il vice presidente regionale. 

Aggiornamento 1  e 2

Continua a leggere “Autorizzazione Centrale Snam. La Regione ha tenuto all’oscuro sulla Imminente Decisione”

Centrale Snam Autorizzata, il Sindaco di Sulmona si Dimette

Sulmona (Aq). Terra di conquista, colonia da prosciugare, discarica d’Abruzzo la valle Pelgna e all’ennesimo colpo gobbo del governo nazionale che autorizza la centrale di compressione della Snam a Case Pente di Sulmona (progetto Reteadriatica), contro la volontà della comunità locale, il sindaco Annamaria Casini si dimette. Avrà 20 giorni per ripensarci, altrimenti la città sarà commissariata e tornerà ad elezioni probabilmente a novembre prossimo. La prima cittadina rivolge un invito anche agli altri amministratori locali perché seguano i suoi passi. 

Aggiornamento 1  e 2

Continua a leggere “Centrale Snam Autorizzata, il Sindaco di Sulmona si Dimette”

Esplosione in Austria e la Situazione precipita in Puglia e Abruzzo. Italia intubata col gas Azero non dipenderebbe più dalla Russia

Sulmona (Aq). Mentre il geologo Francesco Aucone critica la valutazione del rischio sismico dello Studio d’impatto ambientale (Sia) della Snam sul progetto Rete adriatica, per il tratto di 169 km del Sulmona-Foligno, la sala di palazzo San Francesco s’affolla di mille pensieri che si fanno strada tra il silenzio degli indifesi, dinanzi all’inevitabile. La situazione è precipitata davvero, oggi dalle ore 11 alle 18, per l’esplosione in una stazione austriaca di una condotta che trasporta gas russo all’Italia. Il bilancio umano dell’esplosione è purtroppo di un morto e di decine di feriti. É un’altra ragione che i vertici porranno innanzi giovedì (incontro rinviato) per autorizzare il progetto Snam, quello nato per vendere il gas all’Europa, ma definito strategico per gli approvvigionamenti energetici di non si sa chi! Da Brindisi a Minerbio, il metanodotto parte agganciandosi al Trans adriatic pipeline (Tap) in Puglia. Per giornalisti, politici e ministri ora servirebbe altro gas per riscaldare l’Italia perché l’incidente in Austria ha prodotto la chiusura del flusso di metano verso il nostro Paese, ma solo per 7 ore. L’erogazione di gas è ripresa alle ore 18 come dimostra il rilevamento dell’erogazione del gasdotto Tag (Trans gas austrian pipeline), di Tarvisio acquistato nel settembre 2014 dalla Snam.

Aggiornamento 1 2 e 3

Erogazione gas Snam ripresa ore 18 registrata da Tarvisio Report-age.com 12.12.2017
Fonte Staffettaonline

E le conseguenze vengono ingigantite ad arte nella lunga notte di Porta a porta “L’Italia non può più dipendere dalla Russia” sottolinea nel programma televisivo di Rai 1, condotto dal giornalista Bruno Vespa, il ministro dello sviluppo economico. Carlo Calenda dichiara lo stato d’emergenza eppure “Non ci saranno problemi nelle forniture del gas” precisa il ministro. La nebbia sulla Penisola si dirada se è vero che l’Italia può contare su 6 giorni almeno di riserve di metano, se è vero che siamo lontani anni luce dalla crisi Ucraina del 2009 e se è ancora vero che già da questa notte, informano le veline austriache, l’erogazione di metano per il Bel paese sarà del tutto ripristinata. Travolti dagli eventi e dalla informazione di regime?

Aggiornamento

Continua a leggere “Esplosione in Austria e la Situazione precipita in Puglia e Abruzzo. Italia intubata col gas Azero non dipenderebbe più dalla Russia”

La Faglia Profonda: sotto il Morrone c’è molto di più

In valle Peligna, sotto il sistema di faglie del Morrone, c’è qualcos’altro che si muove in profondità anche verso la Maiella. Uno studio ha consentito d’individuare un Sovrascorrimento profondo nell’Abruzzo Citeriore che interessa la superficie costiera tra Lanciano e Ortona, (Ch) e verso Ovest, a 15-20 km sotto il massiccio della Maiella, comprende anche la terrazza di Sulmona, scivolando però a circa 25 km di profondità, nella Conca Peligna.

Aggiornamento 1, 2, 3, 4, 5 6,  7 e 8

Continua a leggere “La Faglia Profonda: sotto il Morrone c’è molto di più”

Tra Sì e No del Progetto Snam. ‘Di Nino era accondiscendente 5 anni fa, ora non lo è più’ rimarca l’Opposizione

Pratola Peligna (Aq). É il gruppo consiliare Pratola insieme a ricordare che nel 2012 come vice presidente della Provincia dell’Aquila, Antonella Di Nino, si mostrò accondiscendente allo stesso progetto che oggi disapprova. Del verbale del tavolo svolto a maggio di 5 anni fa il ministero dello sviluppo economico ha redatto 2 versioni che vi proponiamo in esclusiva e nelle quali è confermato quanto dichiarato dai consiglieri comunali di opposizione a Pratola e dai Comitati ambientalisti. Nei verbali si chiarisce la posizione passata della Di Nino e per l’ente provinciale: “gli uffici tecnici si sono dichiarati per la non contrarietà all’opera”.

Continua a leggere “Tra Sì e No del Progetto Snam. ‘Di Nino era accondiscendente 5 anni fa, ora non lo è più’ rimarca l’Opposizione”