Tag: cava

Società impegnata al recupero di vecchie cave, scava ed estrae in difformità

Scontrone (Aq). La società continuava a scavare e ad estrarre materiale inerte in totale difformità dal progetto approvato dall’amministrazione comunale interessata alla riqualificazione delle aree cave da fine febbraio 2017. Ad accertarlo sono stati i Carabinieri forestali durante un sopralluogo in una cava in località Campo Dragone.

Continua a leggere “Società impegnata al recupero di vecchie cave, scava ed estrae in difformità”

Ambientalismo malleabile. A Popoli: ‘Una Cava Sì, una Cava No’

Popoli (Pe). Non è un test e più che sfogliare una margherita si tratta di cave della val Pescara perché temi caldi come Acqua e Ambiente vengono strumentalizzati. Non c’è una sola cava nel paese del vento e delle acque, ma niente occhi e poco coraggio caratterizzano chi non affronta il problema serio di cui Report-age.com da tempo si occupa.

Aggiornamento Continua a leggere “Ambientalismo malleabile. A Popoli: ‘Una Cava Sì, una Cava No’”

Il Governo autorizza la Centrale di Spinta Snam a Sulmona a 5 giorni dallo Scioglimento Camere

Sulmona (Aq). La partita è quasi chiusa. La centrale di spinta del metano della Snam, da costruire a Sulmona, cuore pulsante del metanodotto che attraverserà la dorsale Appenninica, è stata autorizzata oggi dal consiglio dei ministri su proposta del presidente Paolo Gentiloni. Il Partito democratico perde l’Appennino convinto di guadagnare l’Italia persuasa che con il progetto Snam risolverà per gli approvvigionamenti energetici. In realtà il metano spinto dal Reteadriatica sarà solo venduto all’Europa, nient’altro. Centrale autorizzata è questo il primo verdetto a soli 5 giorni dallo scioglimento delle Camere. Seguirà l’autorizzazione del tracciato del metanodotto che da Sulmona spingerà il gas naturale a Foglino, forse rimandata alla prossima legislatura. Il gas naturale sarà trasportato a Nord per essere venduto, con grandi profitti della Snam, ma all’Europa.

Aggiornamento 1  2 3  4 5 6  e 7

Continua a leggere “Il Governo autorizza la Centrale di Spinta Snam a Sulmona a 5 giorni dallo Scioglimento Camere”

Una Cava Sì l’altra No: un ambientalismo Selettivo mette in luce solo certi Scempi

Popoli (Pe). É una tra le più grandi stranezze dell’Abruzzo interno. Passa inosservata, anche se è sotto gli occhi di tutti, la cava di ghiaia in località Santa Lucia che non fa rumore nonostante le 7 ruspe nel sito. Qualche oculista nell’area non farebbe male, ma le immagini dal satellite sono nitide, nette, state scattate quest’anno. Dov’è il problema? La cava sembra essere, per dimensioni, molto più grande di quella presa di mira da un gruppetto di contestatori sempre concentrati altrove intenti a creare finti problemi per non affrontare quelli seri.

Aggiornamento 1 e 2

Continua a leggere “Una Cava Sì l’altra No: un ambientalismo Selettivo mette in luce solo certi Scempi”

Tutto meno che il cementificio, così Bussi sulla mega cava ripropinata da Toto

Bussi (Pe). Toto Spa alla carica col progetto della cava da centinaia di ettari, cementificio incluso, a Bussi. Non si fa attendere, anche se sommaria, una prima risposta alla lettera di intenti del costruttore. Dal consiglio comunale tutto, meno che il cementificio. In quest’angolo della val Pescara gli amministratori non disdegnano lavorazioni di conci, per le costruzioni, e manutenzioni di treni.

Continua a leggere “Tutto meno che il cementificio, così Bussi sulla mega cava ripropinata da Toto”

Cava Le Grottelle: Stop agli scarichi dal Consiglio di Stato. Ritardi nella bonifica

Avezzano (Aq). É stata scongiurata, per la seconda volta, la ripresa dell’attività di scarico dei fanghi industriali nella cava Le Grottelle di Collelongo. La IV sezione del Consiglio di Stato ha respinto l’appello cautelare, della società di Trasacco  (Aq) che gestisce il sito, per la riforma dell’ordinanza del Tribunale amministrativo regionale (Tar Abruzzo) che ha statuito “il divieto di prosecuzione attività per il recupero rifiuti a carico della ditta Tamburro” emesso dal settore ambiente della Provincia dell’Aquila il 10 febbraio 2016.

Continua a leggere “Cava Le Grottelle: Stop agli scarichi dal Consiglio di Stato. Ritardi nella bonifica”

Fanghi toscani a Collelongo da rimuovere subito, il Tar ha deciso

L’Aquila. Vale il principio di precauzione, più volte richiamato dal Wwf Abruzzo montano, per il caso Le Grottelle perché i rifiuti industriali della Toscana finiti nella ex cava di Collelongo minacciano il pozzo Triolo non ancora contaminato, ma a rischio, dista solo 300 metri dal sito contaminato. I fanghi dovevano essere rimossi entro il 30 settembre di quest’anno, ribadisce il Tribunale amministrativo regionale e, dopo 3 rinvii, mercoledì i giudici si pronunciano: i rifiuti vanno immediatamente rimossi e se non provvederanno i responsabili se ne dovrà occupare il Comune.

Continua a leggere “Fanghi toscani a Collelongo da rimuovere subito, il Tar ha deciso”

Fanghi dalla Toscana a Collelongo: mercoledì udienza al Tar sul caso della cava Le Grottelle

Il pozzo d’acqua potabile è salvo, per il momento. La buona notizia per centinaia di famiglie della Vallelonga che si dissetano grazie all’impianto che attinge acqua dalla falda, a 300 metri dalla cava di Collelongo, si accompagna al rischio di contaminazione del pozzo che rimane per il Wwf Abruzzo montano. Per questo è a dir poco attesa la decisione del Tribunale amministrativo regionale sul ricorso della ditta Tamburro Remo contro il divieto di prosecuzione dell’attività nella cava incriminata disposto dalla Provincia dell’Aquila, a dicembre 2015, per la difformità qualitativa dei fanghi industriali provenienti dalla Toscana e conferiti a Le Grottelle. Inutile dirlo, la prima conseguenza degli sversamenti compromettono un sito di interesse comunitario nel cuore di un’area protetta importantissima: il Parco nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise. L’udienza dinanzi al Tar è fissata mercoledì 9 novembre, dopo 3 rinvii

Aggiornamento

Continua a leggere “Fanghi dalla Toscana a Collelongo: mercoledì udienza al Tar sul caso della cava Le Grottelle”

Miscelati male e oltre i limiti i fanghi toscani a Collelongo. Il Wwf denuncia, l’amministrazione non ringrazia, anzi!

Collelongo (Aq). É allarmismo se un’associazione ambientalista s’interessa dello sversamento di fanghi provenienti dalla Toscana? Lo è se chiede il monitoraggio della falda acquifera perché le concentrazioni di sostanze inquinanti nei fanghi toscani vanno oltre i limiti di legge? Per l’amministrazione di Collelongo è allarmismo gratuito quello del Wwf Abruzzo montano per l’ex Cava Le grottelle. L’associazione ambientalista ha chiesto semplicemente che nell’area interessata dagli sversamenti sia eseguito un monitoraggio costante dell’acqua di falda. I fanghi toscani preoccupavano già prima che venissero scaricati in alta quota e sin dalla culla, in Toscana, non rientravano nei parametri di legge per la miscelazione, a confermare sono gli esiti delle analisi dell’agenzia per l’ambiente (Arpa toscana). Se non v’è dubbio sulla miscelazione sbagliata e sulla concentrazione di idrocarburi pesanti nei fanghi toscani gettati nell’ex cava, resta una domanda: perché l’amministrazione non si mobilita a chiedere un monitoraggio della falda e critica solerte il Wwf Abruzzo montano che ha colmato la lacuna amministrativa per garantire sicurezza per la falda e salute per i cittadini?  

Aggiornament01 e 2Archivio

Continua a leggere “Miscelati male e oltre i limiti i fanghi toscani a Collelongo. Il Wwf denuncia, l’amministrazione non ringrazia, anzi!”

Più violazioni nel Parco Sirente Velino, ma con i Forestali i trasgressori non la spuntano

Secinaro (Aq). S’intensificano i controlli nel Parco regionale Sirente Velino e per i trasgressori non c’è scampo con gli agenti del Corpo forestale dello Stato guidati dal Comandante della Regione Umbria, Guido Conti. Sono più che raddoppiati gli illeciti amministrativi accertati nell’area dei monti Velino e Sirente e i forestali hanno denunciato 35 trasgressori, 4 in più rispetto al 2014.

Continua a leggere “Più violazioni nel Parco Sirente Velino, ma con i Forestali i trasgressori non la spuntano”

Centrale di spinta nella cava così Snam prepara l’ampliamento del futuro impianto

Metanodotto esploso a Mutignano Report-age.com 2015
Gasdotto esploso a Mutignano (Frazione di Pineto – Te)

Sulmona (Aq). In breve, piazzare la centrale del gas naturale nella cava di inerti, spostando l’accrocco di qualche centinaia di metri è una trappola, vorrebbe dire assicurare alla Snam l’ampliamento futuro della mastodontica struttura di compressione del metano. La proposta avanzata nell’ultima conferenza di servizi capitolina non è piaciuta, ma così facendo la multinazionale ha scoperto le carte e gli ambientalisti hanno confermato i sospetti nutriti da tempo sul progetto. Le previsioni sono impressionanti e immaginare l’ulteriore ampliamento della struttura diventa inaccettabile, persino irritante, senza considerare il passaggio del metanodotto rete adriatica.
Continua a leggere “Centrale di spinta nella cava così Snam prepara l’ampliamento del futuro impianto”

Rifiuti tombati nella cava di Magliano. Sequestrati immobili per 2 milioni di euro

L’Aquila. Sono stati sottoposti a sequestro preventivo 4 abitazioni a Roma, Magliano de’ Marsi (AQ) e Francavilla al Mare (CH), della ditta Celi Calcestruzzi spa di proprietà dei fratelli Franco e Sergio Celi, con sede in Massa D’Albe (Aq),  per un valore di circa 1 milione e 800 mila euro. Continua a leggere “Rifiuti tombati nella cava di Magliano. Sequestrati immobili per 2 milioni di euro”