Spiaggia pulita ancora con mezzi meccanici, Wwf chiede incontro all’Amp Torre Cerrano

Tracce di mezzi pesanti e il materiale legnoso spiaggiato in gran parte ammucchiato, non è un bene per la biodiversità e gli habitat del bagnasciuga e per la Torre di Cerrano, nell’Area marina protetta. Read more

Fratini a rischio estinzione, il 2017 peggio del 2016 per il Piccolo Trampoliere

Per gli abruzzesi è una grande responsabilità se il fratino rischia di scomparire dalle spiagge, a lanciare l’allarme è Luciano Di Tizio, delegato Wwf per l’Abruzzo.

Read more

Abruzzo attrattivo, turismo esperienziale e marketing territoriale

Sarà presentato mercoledì dall’assessore al turismo, Giorgio D’Ignazio, l’evento Abruzzo attrattivo  turismo esperienziale e marketing territoriale, workshop – offerta turistica 2018 – Vivi l’Abruzzo a 360° – 365 giorni l’anno. L’Iniziativa organizzata a titolo non oneroso per la IV edizione dalla riserva naturale regionale Oasi Wwf Calanchi di Atri, cooperative Il Bosso, Majambiente, Istituto abruzzese aree protette, con il patrocinio della Regione del Comune di Pineto, dell’Area marina protetta Torre del Cerrano e del Comune di Fara San Martino. La conferenza stampa si terrà alle ore 10.30, a Pescara, presso il dipartimento Turismo di corso Vittorio Emanuele 301 – V piano (fonte regFlash).

Niente sversamento di fanghi nel mare della Torre di Cerrano. Resta alta l’attenzione

I vertici regionali concordano sull’opportunità di accantonare ogni ipotesi di versamento a mare dei sedimenti provenienti dal dragaggio del porto di Ortona (Ch) considerate  le alternative percorribili al vaglio dei tecnici. Così in un incontro a Teramo stamane  il vicepresidente della Regione Giovanni Lolli ha anche illustrato la determina regionale numero 40 del 21 febbraio scorso con la quale è stata adottata la sospensione dell’autorizzazione per la parte dell’immersione in mare dei sedimenti. 

Read more

L’Alternativa del Soil washing per i sedimenti da scaricare vicino Torre di Cerrano, intanto sit-in di protesta

Teramo. Per salvaguardare dagli sversamenti l’Area marina protetta Torre di Cerrano si pensa anche ad un intervento di Soil washing, un processo di separazione fisica dell’inquinante che renderà innocui i sedimenti del dragaggio del porto di Ortona da scaricare nel tratto di mare vicino al Sito di interesse comunitario (Sic) Torre del Cerrano. Per questa operazione però occorrerebbero fondi aggiuntivi, circa 1 milione di euro per un lavaggio che eliminerebbe completamente il limo dai sedimenti. Anche di questa possibile alternativa si parlerà domani all’Aquila nell’incontro organizzato dal vice presidente della Regione, Giovanni Lolli per un confronto con i sindaci di Pineto (Te), Robert Verrocchio, il commissario straordinario del Comune di Silvi (Te) Samuele de Lucia e i primi cittadini di Montesilvano (Pe) Francesco Maragno e Città Sant’Angelo (Pe) Gabriele Florindi vicini all’area individuata per lo sversamento.

Read more

Sversamenti nei pressi dell’Area marina protetta, Mazzocca sollecita l’intervento di D’Alfonso

Teramo. Sullo sversamento dei sedimenti del dragaggio del Porto di Ortona nelle vicinanze dell’Area marina protetta Torre di Cerrano interviene il sottosegretario regionale, Mario Mazzocca, che chiarisce di  aver avuto diversi incontri anche a Pineto per individuare e condividere percorsi alternativi e soluzioni sostenibili. 

Read more

Sversamenti a 2 passi dall’Area marina protetta. Mercante (M5S): ‘Regione manca di visione del futuro’

Pescara. “Il nostro mare trattato come una cloaca. La Regione Abruzzo dice sì ad uno scempio che renderà una perla blu dell’Adriatico il cassonetto dei rifiuti del porto di Ortona” il consigliere regionale Riccarso Mercante (M5S) interviene sull’autorizzazione del Servizio regionale gestione rifiuti allo sversamento di 342 mila 694 m² di sedimenti di dragaggio, del porto di Ortona, nella fascia attigua all’Area marina protetta Torre del Cerrano.

Read more

Eliminato l’Ampliamento della Discarica di Atri

Atri (Te). É stata eliminata la previsione di ampliamento della discarica contenuta nel piano rifiuti predisposto anni fa dalla Provincia di Teramo.

Read more

Il 2016 un anno buono per il Fratino: 30 nidi e 85 uova con sorpresa

Pescara. È netto miglioramento per il Fratino nelle coste abruzzesi, con 30 nidi produttivi per la schiusa e 85 uova con sorpresa, lo scorso anno, rispetto alle sole 59 nascite del 2015. Si supera la soglia del 50% in diverse spiagge per i piccoli del Fratino. C’è però ancora molto da fare per evitarne l’estinzione. Si porta avanti con efficacia il progetto Salvafratino così ieri Wwf e Area marina protetta Torre di Cerrano hanno comunicato i risultati 2016 dell’impegno e della campagna di sensibilizzazione e salvaguardia del mitico trampoliere la cui presenza, nelle spiagge e sulla costa adriatica, è sinonimo di qualità. 

Read more

Arbusti tagliati rifiuti lasciati. Critiche del Wwf sull’intervento di pulizia sulla foce del Cerrano

Silvi (Te). La pulizia della foce del torrente Cerrano a Silvi prevede l’eliminazione degli arbusti, ma non dei rifiuti che restano lì. Non si accompagna a buone pratiche l’intervento perché è stata eseguito con il taglio a raso di tutta la vegetazione sulla sponda del corso d’acqua, denuncia il Wwf Abruzzo: “In pratica la distruzione dell’habitat ripariale del torrente”. 

Read more

Area del Fratino e del Giglio di mare in abbandono ad Alba Adriatica

Alba Adriatica (Te) L’esperienza della “Spiaggia del Fratino e del Giglio di Mare” avviata dal Comune di Alba Adriatica con la collaborazione del Wwf Teramo e dell’Areamarina protetta Torre di Cerrano rischia di naufragare. 

Read more