Tag: appennini

Lacci per catturare gli Animali sistemati dai Bracconieri, sequestrati dai Carabinieri Forestali

Tornimparte (Aq). Corde di metallo con nodi scorsoi che stringono attorno al collo, al ventre e sugli arti tanto che se si tira di più per liberarsi dalla morsa, se s’insiste a fare peso, si muore. Il filo di ferro entra nella pelle sino a segnare le ossa. A trovarli e sequestrarli, su segnalazione, sono stati i Carabinieri forestali di Tornimparte. Continue reading “Lacci per catturare gli Animali sistemati dai Bracconieri, sequestrati dai Carabinieri Forestali”

Terremoto avvertito anche in Croazia, epicentro in Molise, paura anche in Puglia e Abruzzo

I lampadari non si sono mossi, è stato sussultorio, dalle serrande che stridono per la scossa rumore come se soffiasse il vento per qualche secondo, ma non c’è vento è tutto calmo. La scossa di terremoto, prima della Mezzanotte ha registrato una magnitudo di 4.7 ± 0.3 (ML) esattamente alle ore 23.48 (14 agosto), avvertita da Croazia e Italia Centro meridionale.

Sicurezza autostrada Aggiornamento

Continue reading “Terremoto avvertito anche in Croazia, epicentro in Molise, paura anche in Puglia e Abruzzo”

Vertenza Snam. Il Sindaco rinvia l’assemblea e fa appello ai parlamentari  

Sulmona (Aq). Il primo cittadino Annamaria Casini rinvia l’assemblea dei sindaci, che era stata fissata il 27 dicembre e, con un comunicato, fa appello ai parlamentari abruzzesi per un’azione di forza sul governo per dissuaderlo dall’autorizzazione del metanodotto Sulmona-Foligno, parte del gasdotto impropriamente definito Rete Adriatica, ultimo pezzo del progetto di condotta che attraverserà la dorsale Appenninica, in aree a massimo rischio sismico e d’interesse geologico per l’approvvigionamento idrico e gli ecosistemi. Il 22 dicembre scorso, come regalo di Natale, la presidenza del consiglio dei ministri, su proposta del premier Paolo Gentiloni, ha autorizzato l’impianto a Case Pente di Sulmo, per spingere il gas naturale in Europa e venderlo  così con enormi profitti per la Snam. 

Continue reading “Vertenza Snam. Il Sindaco rinvia l’assemblea e fa appello ai parlamentari  “

Piano Lupo: Assenso condizionato agli abbattimenti in deroga nella conferenza Stato-Regioni

Fra le proposte più assurde della conferenza Stato Regioni quella del Veneto e, in parte, delle provincie autonome di Trento e Bolzano sono davvero da rendere note. Questi enti territoriali hanno subordinato il loro assenso, al Piano lupo, al differimento biennale delle attività e all’immediata operatività della norma sugli abbattimenti in deroga, senza alcun tipo di analisi e censimento per la popolazione. Questa la sconvolgente proposta del Nord Est nella seduta pomeridiana sulla conservazione e gestione del Lupo in Italia.

Continue reading “Piano Lupo: Assenso condizionato agli abbattimenti in deroga nella conferenza Stato-Regioni”

La Faglia Profonda: sotto il Morrone c’è di più. Sull’Appennino si a ricostruzione e scuole sicure

In valle Peligna, sotto il sistema di faglie del Morrone, qualcos’altro scorre e si muove in profondità anche verso la Maiella. Studi affinati in questi ultimi decenni hanno consentito d’individuare un Sovrascorrimento profondo nell’Abruzzo Citeriore che interessa la superficie costiera tra Lanciano e Ortona, (Ch) e verso Ovest, a 15-20 km sotto il massiccio della Maiella, comprende la terrazza di Sulmona a circa 25 km di profondità, nella Conca Peligna.

Aggiornamento 1, 2, 3 4,  5 e 6

Continue reading “La Faglia Profonda: sotto il Morrone c’è di più. Sull’Appennino si a ricostruzione e scuole sicure”

Prima neve sul Gran Sasso e sulla Maiella: le immagini del mattino

Tre gradi sopra lo zero a Passo San Leonardo e, sempre nell’aquilano, il freddo del primo mattino si fa sentire anche a Sulmona mentre sul Gran Sasso, il più alto monte della catena degli Appennini, compare la prima neve e una leggera spolverata imbianca anche la Maiella, da 1800 metri in su.

Continue reading “Prima neve sul Gran Sasso e sulla Maiella: le immagini del mattino”

Orso di Casa in Abruzzo. A Villavallelonga irrompe in abitazione. Tutto bene!

Villavallelonga (Aq). Quando si dice, l’orso in Abruzzo è di casa, non si sbaglia pensando ai fatti di questa notte con l’orso Mario rimasto intrappolato in un pollaio e poi entrato, attorno alle ore 2, in un appartamento con una famiglia, genitori e 2 bambini a ninna. Tutto si è risolto per il meglio, senza che nessuno si sia fatto male, è comprensibile lo spavento. L’orso sedato e catturato è stato poi rilasciato in montagna.

Continue reading “Orso di Casa in Abruzzo. A Villavallelonga irrompe in abitazione. Tutto bene!”

Incendio a Forca Caruso, ora, sul versante marsicano

Collarmele (Aq). In sequenza 2 immagini dell’incendio che si sta consumando in questo momento (ore 19) a Forca Caruso. Pochi i soccorsi, l’accorpamento della Forestale all’Arma dei Carabinieri si fa sempre più sentire tra gli Appennini abruzzesi che in questi giorni ‘fumano’ e stanno diventando proprio un inferno. 

Aggiornamento

Continue reading “Incendio a Forca Caruso, ora, sul versante marsicano”

Lupi che attaccano il gregge nell’area invasa da branchi di cani rinselvatichiti

Teramo. Lupi che attaccano un gregge di 500 pecore sgozzandone 150 in contrada Specola, alle porte del capoluogo di provincia? Così come descritti, i fatti non aiutano né il lupo, né gli allevatori per questo scendono in campo gli esperti del WWF per fare chiarezza. In primis, la storia della reintroduzione dei lupi in Italia, tanto meno se provenienti dalla Romania o da altri Paesi dell’Est è solo leggenda metropolitana. Soprattutto, nell’area in cui il gregge sarebbe stato attaccato è segnalata da anni la presenza di un branco di cani rinselvatichiti che agiscono alla stregua di animali selvatici. 

Aggiornamento

Continue reading “Lupi che attaccano il gregge nell’area invasa da branchi di cani rinselvatichiti”

Verso la tranquillità, sull’Appennino si riducono le scosse e sono di minore entità 

“L’andamento sismogenetico su tutta la penisola italiana presenta da diversi giorni una mitigazione del rischio sismico” conferma il ricercatore Giampaolo Giuliani. 

In un post pubblicato qualche minuto prima della Mezzanotte dell’ 8 maggio la Fondazione Giuliani comunica delle buone notizie: “Nella dorsale dell’Appennino centrale persiste una frequenza di eventi che comunque scende sotto i 100 accadimenti giornalieri e questo possiamo prenderlo come un segno di miglioramento – continua il ricercatore aquilano – Anche l’analisi sul trend dei flussi del gas Radon, osservati dalle stazioni di Coppito, nell’aquilano, e Ripa Fagnano  mostrano segni di miglioramento. Le prossime 6-24 ore, saranno comunque caratterizzate da repliche su tutto il cratere e contenute sul grado strumentale. Per i prossimi 2 0 3 giorni, la Fondazione sarà impegnata su diversi fronti per lavori di ricerca e  osservazioni di eventuali situazioni di criticità sul territorio del Centro Italia” conclude la fondazione Permanente Giampaolo Giuliani.

In movimento l’intero sistema di faglie e nessun passo indietro per centrale e metanodotto Snam

+Paganica (Aq). Si rinnova il forte del No al metanodotto e alla centrale Snam con l’assemblea di Paganica e la partecipazione all’incontro di associazioni ambientaliste, comitati cittadini, alcuni amministratori e futuri candidati alle elezioni amministrative nei comuni dell’aquilano. Gli usi civici potrebbero contenere, ma non fermare le mire espansionistiche della società che punta a divenire hub del trasporto di gas naturale. Non un passo indietro sull’opera nonostante sia stato chiarito che dal 24 agosto l’intero sistema di faglie dell’Appennino Centrale che si è messo in movimento. Un metanodotto e una centrale di spinta di certo inquietano, non poco.

Continue reading “In movimento l’intero sistema di faglie e nessun passo indietro per centrale e metanodotto Snam”

Mappa della pericolosità sismica, la nuova sarà pronta entro giugno per l’Italia

In arrivo entro giugno la nuova mappa della pericolosità sismica in Italia, con nuovi dati e aggiornamenti rispetto all’attuale cartina sul rischio sismico datata 2004. 

Aggiornamento

Continue reading “Mappa della pericolosità sismica, la nuova sarà pronta entro giugno per l’Italia”

Violente scosse di terremoto, esondazioni e neve: è emergenza nell’emergenza in Centro Italia

4-scossa-report-age-com-18-1-2017Abruzzo. Sono stati chiusi gli uffici pubblici in provincia dell’Aquila per la frequenza e l’intensità degli eventi sismici, almeno sino a domani, così ha deciso, Giuseppe Linardi, prefetto dell’Aquila. Altra forte scossa, speriamo sia l’ultima, alle ore 14.33 di Magnitudo 5.1 Richter, epicentro Cagnano Amiterno (Aq) ad una profondità di 13 km e che l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ricalcola a 3 M. Il fiume Pescara è esondato stamane, una troupe di giornalisti Tv è stata fatta allontanare dal margine del corso d’acqua, dalle ore 15 la situazione è sotto controllo. Ancora molte famiglie sono al buio e al freddo per il black out nel chietino, 42 uomini dell’Esercito italiano stanno operando nel capoluogo teatino. Il comune di Filetto (Ch) è da 3 giorni senz’acqua e senza corrente. Nell’aquilano i treni sono fermi in alcuni tratti per le abbondanti nevicate e alcune squadre Anas stanno procedendo alle verifiche dei giunti e dei viadotti autostradali sollecitati dalle scosse. In molte località abruzzesi, soprattutto in alta quota, sono caduti 2 metri di neve e per non farci mancare nulla, anche il mostro: il terremoto. Il Centro Italia flagellato dal maltempo e dalle scosse resiste. Tre scosse violente, di magnitudo superiore a 5 stordiscono anche il Lazio e l’Emilia. Sotto l’assedio delle calamità naturali rimangono Abruzzo, Marche, Umbria e Molise. É emergenza nell’emergenza per le località dell’Appennino. Arrivano gli aiuti con truppe dell’Esercito da Trento e dalla Toscana anche nelle aree terremotate, colpite dal sisma di agosto e fine ottobre, sono operativissime le squadre dei vigili del fuoco nell’aquilano.  

Continue reading “Violente scosse di terremoto, esondazioni e neve: è emergenza nell’emergenza in Centro Italia”

Minacce da eventi naturali: Italia seconda solo alla Grecia in Europa. Rapporto Ispra

Roma. Il rapporto annuale dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) indica, a livello europeo, che l’Italia è tra i Paesi più minacciati dagli eventi di origine naturale, seconda solo alla Grecia dal punto di vista della sismicità e della presenza di faglie attive, fagliazione superficiale, eruzioni vulcaniche, dissesto idrogeologico. In Italia si divora suolo,  buone notizie per le acque sotterrane e quelle costiere, dolenti note per l’inquinamento acustico e la temperatura media.

Continue reading “Minacce da eventi naturali: Italia seconda solo alla Grecia in Europa. Rapporto Ispra”