Dai domiciliari in carcere per un giovane pregiudicato 23enne

Montesilvano (Pe). Nell’ aprile scorso il 23enne Maicol Di Rocco si è stabilito in un appartamento in pieno centro a Scafa per scontare la misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, ma si era reso protagonista di numerose intemperanze che hanno scosso la comunità scafese.

Sprezzante dei vincoli restrittivi Di Rocco non si è affato calmato ed é stato più volte tratto in arresto. A settembre, pur non dovendo allontanarsi da Scafa, era stato colto dai carabinieri presso un centro commerciale di Chieti e in seguito sottoposto agli arresti domiciliari. Tuttavia anche tale misura restrittiva non ha frenato la spregiudicatezza del giovane che ha continuato a violare le prescrizioni imposte. É stato infatti visto affacciarsi dal balcone di casa e parlare tranquillamente con altri pregiudicati dell’area. I militari della Compagnia di Popoli, a seguito di numerose segnalazioni, hanno documentato tutte le violazioni, appurando che il 23enne é uscito di casa per fruire di un permesso, senza fare rientro. Colto dal personale del Nucleo operativo e radiomobile per le vie di Scafa a bordo di un veicolo già posto sotto sequestro. Le refertazioni inviate dai carabinieri all’autorità giudiziaria hanno fatto scattare immediatamente l’aggravamento del regime detentivo. Di Rocco dalla sua abitazione questa mattina é stato condotto presso il carcere di Pescara.

Ermes uccisa da un boccone avvelenato: Petizione Lipu contro la Caccia

Uccisa da un boccone avvelenato, questa è la fine riservata alla giovane aquila reale salvata e liberata, sull’appennino parmense qualche mese fa, dai volontari della Lipu (Lega italiana protezione uccelli) Read more

Interrogazione alla Camera per Emergenza Acqua Gran Sasso

Teramo. Interrogazione sull’Acqua del gran Sasso e sulla situazione esistente in 3 province abruzzesi con la risorsa idrica a rischio per la permeabilità delle gallerie autostradali e dei laboratori di Fisica nucleare del Gran Sasso con la falda acquifera, a presentarla, il 5 dicembre alla Commissione ambiente della camera dei Deputati, è Rossella Muroni, deputata di Liberi e uguali .  Read more

Il No al Trattamento rifiuti ospedalieri non è definitivo

Occorre lavorare ancora per scongiurare l’impianto ad Atessa

Atessa (Ch). Vinta una battaglia, ma non la guerra e ci sarà ancora da lavorare per scongiurare definitivamente l’insediamento dell’impianto Di Nizio per il trattamento di rifiuti ospedalieri, con stoccaggio per rifiuti  pericolosi e non, previsto nell’area industriale. A confermarlo è Fabrizia Arduini, presidente del Wwf  zona Frentana e costa Teatina, a 2 giorni dal preavviso di rigetto del Comitato regionale di Valutazione d’impatto ambientale, chiarisce quanto sia tortuosa la strada per chiudere una volta per tutte con il progetto dell’impianto vicino alle abitazioni (Piano Regionale dei Rifiuti – legge regionale 5 /2018) .

Read more

Css nel Cementificio inquina 10 volte un Inceneritore. Lettera a Mattarella dal Comitato Aterno Aria

Scrive al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oggi in visita all’Aquila, per chiedere attenzione sul caso del cementificio di Cagnano Amiterno (Aq) che dovrebbe  bruciare Combustibile solido secondario (Css) inquinando molto più di un normale inceneritore. La presidente del Comitato Aterno Aria, Maria Fioravanti, medico del lavoro, ha già pronta la lettera quando il presidente lascia il capoluogo di regione. Read more

Nuovo ospedale Antisismico la parola ai Movimenti Italica e Meetup

Qualcosa manca nel primo ospedale antisismico d’Abruzzo, il nuovo ospedale di Sulmona, anche per Alberto Di Giandomenico, coordinatore del Movimento Italica. “Di per sé questo immobile non garantisce il diritto alla salute, ne è solo una premessa e l’insoddisfazione nasce proprio dal fatto che è solo un nuovo edificio, antisismico è vero, ma su carta nulla ci garantisce. Di fatto l’ospedale di Sulmona resta con la sua cronica carenza di personale e quotidianamente perde pezzi, come il Punto nascita”.  Read more

Protesta per Aumenti pedaggi su A24 e A25. Di Girolamo: Sindaci strumentalizzati, da Governo atti concreti

Dove erano i sindaci quando il Piano economico scadeva e perché solo oggi si ricordano di protestare per gli aumenti dei pedaggi? Così Gabriella Di Girolamo, senatrice sulmonese del Movimento 5 stelle, risponde alla protesta sull’aumento delle tariffe autostradali che ha portato nella capitale i primi cittadini per manifestare e incontrare il ministro dei trasporti Danilo Toninelli che però non li ha ricevuti.

Read more

No del Comitato Via al Trattamento rifiuti ospedalieri. La Val di Sangro punta all’Ecodistretto

Atessa (Ch). Stop agli impianti Di Nizio ed ex Ciaf in Val di Sangro, il Comitato regionale di Valutazione d’impatto ambientale respinge, con parere negativo, il progetto dell’impianto Di Nizio per il trattamento di rifiuti ospedalieri con annesso stoccaggio per rifiuti pericolosi e non.

Read more

Cisterna in fiamme esplode nel distributore: 2 vittime e 17 feriti sulla Salaria

Poco prima delle ore 15, le immagini riprese da un telefonino di un passeggero di un autobus in transito sulla Salaria, nei pressi di Fara Sabina nel reatino, mostrano una cisterna a fuoco in un  distributore di carburante dove si procedeva a scaricare Gpl (Gas di petrolio liquefatti) dall’auto cisterna al silos del distributore. Dall’incendio l’esplosione, 2 le vittime, un Vigile del Fuoco Stefano Colasanti, 53 anni di Rieti e un passante. I feriti sono circa una ventina, 2 dei quali in codice rosso.  Read more

Caro pedaggi: i sindaci a Roma, ma Toninelli non li riceve

Roma. Sit in capitolino dei sindaci abruzzesi per chiedere un incontro al ministro Danilo Toninelli e risolvere la vertenza del caro pedaggi sull’autostrada dei Parchi. Non sembra avessero fissato alcun appuntamento con il ministro.  Read more

Garante delle Vittime dei Reati proposto in Abruzzo

Nato in seno all‘Associazione Vittime del Dovere, il Garante delle vittime dei Reati sta per diventare realtà in Lombardia, prima regione a dotarsi di una figura, in carne ed ossa, pronta a sostenere, in base alle funzioni del suo ufficio, le vittime e le loro famiglie. Se ne sente il bisogno nel Centro Sud Italia e così la proposta del Garante delle vittime del reato non è sfuggita alla Uil Abruzzo che chiede all’Ente Regione d’istituire questa professionalità che dalla trincea potrebbe rivelarsi davvero utile come riferimento più vicino ed accessibile alle vittime dei crimini. Read more