Tamponi ai sanitari, lo chiede il sindacato di Sulmona

Il ricovero all’ospedale di Sulmona (Aq) di un malato Covid-19 impone maggiori precauzioni nel presidio e per l’intera città.

“È fortemente necessario e urgente eseguire i tamponi a partire dagli operatori sanitari, affinchè sia applicata una efficace prevenzione contro il contagio da coronavirus nel nostro territorio” ribadisce con forza il sindaco Annamaria Casini.

“Il sospetto contagio di un operatore sanitario, in forza a una clinica privata , richiama ancora di più oggi la necessità di accelerare le misure precauzionali per un monitoraggio teso a contenere la diffusione del virus nella nostra comunità. La Valle Peligna ad oggi va protetta, ancora di più in seguito alle dichiarazioni dell’assessore regionale Nicoletta Verì circa un raddoppio dei contagi che si attenderebbe entro fine mese. Le figure sensibili vanno assolutamente tutelate sia per il loro bene che per preservare la salute dell’intera comunità. Siamo sempre più convinti che contenere la diffusione del contagio passi attraverso una massiccia azione di prevenzione con la somministrazione dei tamponi partendo proprio dagli operatori sanitari, i quali sono più esposti, per poi interessare tutti coloro che svolgono attività di pubblica utilità, come le Forze dell’Ordine, gli addetti al commercio della filiera agroalimentare e farmaceutica, i dipendenti a contatto con l’utenza, gli amministratori pubblici che in questi giorni stanno svolgendo un lavoro importante. È necessario proteggere il territorio in questa fase – conclude il sindaco – è una misura preventiva urgente e fondamentale per poter uscire al più presto da questa drammatica situazione di emergenza nazionale senza precedenti”.