Qualità dell’aria? Ancora inquinamento nonostante il coprifuoco

Con le misure di restrizione della libertà personale, dettate dai decreti ministeriali per contenere la diffusione del contagio da Corona virus, la qualità dell’aria ne ha giovato, ma i livelli del particolato non sono scesi ai minimi storici, come ci si aspettava, nemmeno a Roma.

Dunque c’è altro che inquina l’ambiente, non solo le auto e nemmeno il riscaldamento. I dati aggiornati delle poche centraline in funzione in Italia sapiamo che a Roma la qualità dell’aria non migliora neppure quando la centralina è installata in una grande area verde come a Villa Ada nel quartiere Trieste Salario. Scrive in un articolo Il Messaggero: “Qui i valori di O3 sono tra i più alti della città: 88 su 180 il 9 marzo e addirittura superiore (103) il 20 marzo. anche con le auto completamente ferme e i posti di blocco che denunciano l’automobilista sprovvisto di motivi validi per muoversi”.

Fonte il Messaggero.it