Da Pandora Tv: “Sono arrivati i Bombardieri d’attacco nucleare in Europa”

Sono atterrati a Lajes Fieldm nelle Azzorre il 9 marzo. A dare il benvenuto ai bombardieri stealth (furtivo) B-2 Spirit sono stati i militari portoghesi. Si tratta di bombardieri nucleari americani, di tecnologia avanzata e che avanzeranno nell’area di responsabilità del Comando europeo degli Usa, ossia in siti militari di tutta Europa e dunque anche a ridosso della Russia. L’annuncio è del Commando europeo degli Stati uniti, capeggiato dal generale Tod Wolters, a capo delle forze Nato (trovate un altro articolo sull’argomento anche qui) Mettiamo dall’altro lato e domandiamoci quale potrebbe essere la reazione ad Oriente difronte ai Bombardieri d’attacco nucleare degli Stati uniti?

Dunque, mentre le compagnie aeree americane cancellano i voli per l’Europa, la United States Air Force proprio in questi giorni fa atterrare nel vecchio continente una singolare task force che non arriva per sostenere la battaglia dei cittadini europei contro il Convid-19, ma per i bombardieri da piazzare anche a ridosso della Russia e non si sa per quanto tempo resteranno e se mai faranno ritorno negli Usa.

In un video su Pandora Tv Manlio Dinucci rende noto l’annuncio del Commando europeo degli Stati uniti. In breve l’Italia si trova proprio in mezzo alle grandi manovre, tranquillizzata d’altro canto sul fatto che i militari delle esercitazioni dell’operazione Defender europe 20, non sarebbero più impegnati nel Belpaese. Washington usa l’Europa come prima linea e rafforza la sua leadership rispetto agli alleati europei. E cresce però irrimediabilmente la tensione con la Russia.

Rispetto all’operazione ribattezzata Pi(a)zza bombarderi, Europe defender 20 è iniziativa slegata e sarebbe già in corso in questi giorni in Europa, dicono, ridotta rispetto ai numeri e alla partecipazione dichiarata prima che l’emergenza Covid-19 si trasformasse in pandemia, così com’è stata dichiarata la scorsa settimana dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Qual è il problema? Semplice, 22 dei 27 Paesi dell’Unione europea appartengono alla Nato, a guida Usa e tutti i governi europei hanno dato il loro consenso al dispiegamento in Europa di avanzati bombardieri d’attacco nucleare americani, tra l’altro i più costosi in circolazione (2 miliadi di dollari ciascuno e milioni di euro per la manutenzione. Un mezzo da guerra che può esprimere una devastazione complessiva superiore a quella di 1200 bombe di Hiroshima, vola per  9 mila 600 km senza rifornimento di carburante e difficilmente può essere intercettato dai radar). Questo mentre l’Europa è focalizzata, completamente presa, dall’emergenza Covid-19 ed è in gran parte paralizzata. Strategia attuata in un momento più che favorevole, singolare coincidenza.