JovaBeachParty, Smargiassi: ‘La Regione richieda parte del contributo dato a Montesilvano’

Fondi regionali per 35 mila euro a Montesilvano (Pe) per la sicurezza al concerto di Joavnotti, aspetto quasi interamente a carico della Regione Abruzzo. É troppo per il Movimento 5 stelle e andrebbe oltre il supporto inteso dal codice di Protezione civile sa parte della R di un evento locale.

Il Movimento 5 stelle ha rimproverato, oltre al costoso biglietto del concerto che ogni singolo cittadino ha dovuto pagare nonostante parte delle espese per garantire sicurezza all’evento è stata coperta da fondi regionali, il fatto che questa possibilità di ospitare l’evento non è stata garantita ad altri comuni perché il contenuto della convenzione non era chiaro. Se lo fosse stato qualsiasi altro Comune si sarebbe fatto avanti, spiega i consigiere regionale Pietro Smargiassi, dopo il consiglio comunale di Montesilvano per illustrate entrate ed uscite dell’evento.
“Questo è un fatto, a mio parere, incontrovertibile se ci si attiene ai dati snocciolati dalle figure competenti senza considerare che i dati addirittura parrebbero non ancora definitivi e comunque incompleti di ulteriori voci” chiarisce Smargiassi. Ai 50 mila 600 euro spesi dal Comune di Montesilvano per sicurezza e protezione civile dell’evento andrebbero aggiunte 25 mila euro, somma stanziata con delibera di giunta regionale (506/19) e ancora sommati i 10 mila euro impiegati dall’amministrazione locale per sistemare l’arenile, provenienti da un precedente contributo regionale, fa sapere il consigliere pentastellato. In tutto sarebbero 35 mila euro di contributo regionale, pari al 70% dell’investimento per sicurezza, contionua Smargiassi: “In aperto contrasto con il codice di Protezione civile” in cui si spiega che il sostegno della Regione deve essere residuale e di supporto per un evento locale. “Considerando poi che i costi per il personale di polizia sarebbero dovuti essere comunque a carico del privato organizzatore del Jova Beach Party, la percentuale di contribuzione regionale lieviterebbe a quasi l’80% dell’investimento per sicurezz – aggiunge il consigliere – Ritengo che se un Comune voglia farsi carico di ospitare un evento così importante e dispendioso in termini economici, debba farlo attingendo principalmente a risorse proprie, non certo contribuendo in misura ridotta – fa sapere Smargiassi – chiederò che la Regione s’impegni a richiedere indietro quota parte del contributo a Montesilvano, riducendo lo stesso alla misura massima di 8 mila euro, pari all’investimento diretto del Comune di Montesilvano per le voci di sicurezza e Protezione civile”.

Per alcuni della maggioranza in consiglio regionale l’evento avrebbe dovuto garantire grande pubblicità con pochi euro, afferma il consigliere comunale M5S Gabriele Straccini: “Invece costerà ai cittadini di Montesilvano circa 60 mila euro. Un evento privato per cui chi ha partecipato ha pagato anche di tasca propria un oneroso biglietto” dal costo di 52 euro in prevendita e 59,80 euro all’ingresso.