Circolo sulmonese del Pd: “Non ci sono più parole, gli atti parlano da soli”

“Non ci sono più parole – scrivono dal circolo cittadino del Partito democratico – Gli atti parlano da soli. I danni provocati da questa che doveva essere la giunta di salute pubblica, non si contano più”.

E il fattaccio questa volta è quello dei finanziamenti per il recupero della villa comunale, oltre 100 mila euro persi e intanto che passano i mesi il giardino pubblico è sempre meno recuperabile, in completo abbandono. Un  tempo  fiore all’occhiello della patria del poeta latino Ovidio, oggi dal sito scompaiono le panchine, alberi e aiuole sono sempre più spetacciati e la vasca a Nord, vicino alla cattedrale San Panfilo, si riempie di rifiuti e melma.

Questo è il commento del Pd cittadino sull’amministrazione comunale: “Nella diatriba apertasi in questi giorni sulla permanenza o meno di questa sindaca a palazzo San Francesco, con l’ex tutor prima all’opposizione (si fa per dire)  poi apertamente in maggioranza, ed infine, nella seduta consiliare di qualche giorno fa, autoproclamatosi di nuovo capo dell’opposizione, con nessun senso del ridicolo, si fa fatica ad intervenire – prosegue il Pd – Tale è l’imbarazzo che proviamo come cittadini di quella che un tempo è stata la città capofila della Valle Peligna ed oggi ridotta ad una macchietta da avanspettacolo da questi Amministratori, che si stenta a credere che non stiamo assistendo ad una qualche trasmissione satirica, tipo “Scherzi a Parte”. Poi sopraggiungono gli atti, per l’appunto, ed allora non si può fare a meno di levare alto un ulteriore grido di supplica – il comunicato si conclude con parole scritte tutte in maiuscolo – Basta!!!!! Per favore, liberiamoci da questo continuo inutile supplizio, dedicatevi a qualche opera compassionevole dove non è richiesta la pur minima competenza, ci restituireste un po’ di dignità” concludono esausti e avviliti anche dal Pd.

Video vasca

Villa Comunale Sulmona