L’Aeroporto d’Abruzzo si fa grande e si lavora per intitolarlo a Corradino D’Ascanio

Sarà ancora più grande l’aeroporto d’Abruzzo grazie al parere dell’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) d’accordo nel prolungare di 300 metri la pista di atterraggio e decollo. L’intervento costerà 16 milioni 281mila 541 euro, fondi Masterplan Abruzzo-Patto per il Sud, per entrare nel circuito delle rotte intercontinentali. Intanto a Popoli (Pe) la giunta comunale ha approvato una richiesta di intitolazione dello scalo abruzzese all’inventore Corradino D’Ascanio, originario del Comune della Val Pescara.

La pista d’allungare avrà così le giuste caratteristiche per gli aerei di qualsiasi portata. Secondo il cronoprogramma, i lavori dovranno essere completati entro l’Autunno del 2021 al massimo nella Primavera del 2022. Si passerà dagli attuali 2 mila 419 a 2 mila 707 metri (direzione monti). Con questo intervento da scalo minore passerà ad hub nazionale. La società che gestisce lo scalo, la Saga, programmerà così rotte intercontinentali con la compagnia aerea americana che su spinta del vice di Trump, Michel Pompeo, originario di Pacentro(Aq) è interessata a decrivere nuove rotte in volo per ridurre i tempi di volo così anche per gruppi canadesi o cinesi. Il responsabile Enac dell’aeroporto di Pescara, Grazia Caligiore, ha confermato il parere positivo all’autorizzazione. Venerdì verrà pubblicato anche il nuovo bando per l’ampliamento delle rotte nazionali e internazionali. Si lavora per collegare l’aeroporto a Mosca e agli Stati Uniti.

Per l’intitolazione dell’aeroporto a Corradino D’Ascanio, genio aeronautico, inventore del volo verticale, dell’elica a passo variabile e della Vespa, sulla proposta sollecitata da cittadini e associazioni come :  Ripensiamo il Territorio, Luci su Popoli ed il  Vespa Club Corradino D’Ascanio Popoli, la delibera è solo un primo passo di un lungo percorso istituzionale che porterà alva meta. Nel prossimo consiglio comunale verrà votato un provvedimento per sancire definitivamente la volontà di tutta l’amministrazione comunale di affidare il nome di questo illustre cittadino popolese allo scalo abruzzese che potrebbe diventare il secondo più importante dell’Italia centrale nel caso in cui chiudesse lìaeroporto di Ciampino. In questi giorni è stata approntata una sottoscrizione sui social media con più di 500 adesioni per il genio popolese: “Con questa azione Popoli chiede di onorare oltre al genio anche la sua personalità umana, forte e gentile,  caratteristica principale degli abruzzesi, evidenziata proprio in questi giorni anche in una fiction in onda sulle  reti nazionali” conclude ilvice .
Firma: Gaetano Diodati