Un disegno dell’Orso marsicano che si sveglia dal letargo, concorso Wwf per i piccoli

Il Wwf lancia un concorso per  incoraggiare i bambini a disegnare per l’Orso che si sveglia dal letargo. Tra i disegni più interessanti ne saranno sceti 50 da pubblicare sul sito dell’associazione ambientalista.

Sono 50 disegni perchè più o meno il numero di orsi marsicani rimasti sulle montagne dell’Appennino, un numero esiguo di individui per una popolazione tanto preziosa. L’Orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus) è una sottospecie di Orso bruno unica al mondo, che vive solamente in Italia, tra l’Abruzzo  e Molise, è più piccolo dell’orso Alpino. Recenti studi ne hanno confermato l’unicità genetica, ecologica e comportamentale. Purtroppo questa popolazione  è in pericolo critico per l’Unione internazionale per la conservazione della Natura e rischia  l’estinzione. Nonostante tutti gli sforzi messi in campo traprogetti e finanziamenti, l’Orso marsicano continua a morire a causa dell’uomo. Negli ultimi 25 anni il 63% dei decessi è stato determinato direttamente o indirettamente da azioni umane, addirittura il 40% dal bracconaggio.

«Fin dalla sua nascita, nel 1966 il Wwf Italia ha sempre portato avanti azioni per la salvaguardia dell’Orso bruno marsican – ricorda il vicepresidente nazionale Dante Caserta – Prima dell’estate abbiamo lanciato la campagna Orso 2×50 con l’ambizioso obiettivo di raddoppiare il numero di individui di Orso marsicano entro il 2050. Questo sarà ovviamente possibile solo collaborando con tutte le amministrazioni che si occupano della tutela dell’Orso, a partire dal Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise”. Gli elaborati scelti saranno i più belli e quelli che avranno coinvolto l’intera scuola e le famiglie dei bambini. La proposta si rivolge alle oltre 20 mila istituzioni scolastiche pubbliche e private dell’infanzia e ai primi 2 anni della scuola primaria (info qui)

Archivio

Necrologio dell’Orso Bruno Marsicano a cura di Maria Trozzi