Sindaci d’Italia con Poste italiane, Conte: d’accordo per indennità minima

Il presidente Giuseppe Conte oggi in prima fila per l’evento di Poste italiane Sindaci d’Italia è d’accordo con il presidente dell’Anci, Antonio De Caro.

I piccoli Comuni devono contare, questo é il messaggio lanciato oggi dal governo Conte bis. A testumoniare l’importanza dell’evento, in sala, i ministri del lavoro, Nunzia Catalfo, dell’economia e finanza Roberto Gualtieri, delle autonomie regionali, Francesco Boccia, per il Sud Giuseppe Provenzano e Paola Pisano, ministro dell’innovazione e il ministro dei beni culturali Franceschini.

Buone per i vertici del governo, le iniziative sull’indennità minima per i primi cittadini dei piccoli centri e sui segretari comunali che mancano. Soprattutto per i Comuni italiani il presidente Conte parla di qualità della vita intesa come eccellenza del made in Italy.

Il premier ricorda che è proprio grazie ad un segretario comunale, di Volturara Appula (Fg), che lui è nato. Grande orgoglio per i piccoli comuni: “Dobbiamo calibrare.. e ridurre le fratture territoriali che persistono anche all’interno”. È il presidente parla di gap tecnologico e accenna alla di infrastrutture necessarie per ridurre le distanze. Poi rivolge un pensiero alle aree terremotate. ” L’impegno capillare di Poste italiane si inserisce e diventa strategico – sottolinea il premier su Poste italiane – voi siete un grande contributo per mantenere i servizi essenziali a favore della comunità. Quei 10 obiettivi che Poste si orrite di raggiungere rappresentano una precisa scelta economica e sociale. Uffici che rimangono anche se i criteri di scelte economiche suggerirebbero qualcosa di diverso. La distribuzione gratuita del servizio Wi-Fi negli uffici è un gran servizio. I progetti sull’educazione al risparmio e sulla digitalizzazione della fiscalità . Vogliamo modernizzare il Paese e incentivare i pagamenti digitali e Poste si è da subito resa disponibile per studiare con noi il sistema. Quindi direi che Poste italiane è un’eccellenza tra le imprese socialmente responsabili”.

“Cari sindaci il governo è con voi, voi siete delle sentinelle e mi avvio a conclusione – dichiara il premier Conte – dobbiamo lavorare insieme .. Per le infrastrutture e le opere che marciano a rilento.. Dobbiamo accelerare la spesa, abbiamo fondi europei per 75 miliardi di euro. Ne abbiamo spesi pochi, dobbiamo spenderne di più e meglio. Chiamateci perché con Investitalia a vostra disposizione cercheremo di sbloccare risorse preziose a livello interministeriale.. Nel programma 2021-2027 c’è il new deal, mobilità sostenibile, reddito di cittadinanza. Tutte le zone disagiate possono essere interessati e tra i progetti finanziati c’è proprio il recupero dei borghi per rivitalizzare le piccole comunità da voi rappresentate.. -Conte parla di qualità della vita nei piccoli comuni equiparandola ad un’eccellenza del Made in Italy … – conclude – lavoriamo insieme per il futuro ma non dimentichiamo la nostra tradizione”.

mariatrozzi77@gmail.com