Altri rifiuti in Abruzzo. Intesa appena prorogata dalla giunta del Lazio, Zingaretti ringrazia

Intesa appena prorogata, dalla giunta del Lazio, per un nuovo conferimento di circa 48 mila tonnellate annue di rifiuti indifferenziati da trattare ancora negli impianti abuzzesi. Il governatore Zingaretti ringrazia, per la rinnovata disponibilità, l’Abruzzo.

Sarebbero 22 mila tonnellate annue di immondizie in meno rispetto a quelle trattate in passato. Sono da smistare ancora negli impianti individuati e contrattualizzati da Ama, azienda che dovrebbe occuparsi del servizio smaltimento del pattume capitolino.

Nell’eventualità che l’esecutivo abruzzese decida o abbia deciso di sottoscrivere l’ulteriore accordo per trattare i rifiuti Roma, in Abruzzo verrebbero conferiti circa 4 mila tonnellate al mese di Rsu (Rifiuti solidi urbani) e solo per il trattamento nelle contrattualizzate dall’Ama, che sarebbero le solite 3 aziende abruzzesi capaci di trattare l’immondizia senza creare troppi problemi al fabbisogno regionale: Aciam spa di Aielli (Aq), Cogesa spa di Sulmona (Aq) e Deco spa di Chieti.

Per il 2019 la società partecipata di Sulmona ha preferito non rispondere alla richiesta di aiuto della capitale in emergenza da più di 3 anni, perchè impegnata da altre commesse. Proprio quando ai Comuni che ospitano da anni i rifiuti romani è stato riconosciuto un indennizzo a tutela della comunità, impiegabile anche per il ripristio e recupero ambientale. Non è detto che Cogesa questa volta non rientri nel giro per il trattamento delle tonellate di rifiuti capitolini che poi, per lo smaltimento, torneranno nei siti laziali.

La giunta del Lazio annuncia che procederà, appena possibile, anche all’approvazione della delibera d’intesa con la Regione Marche per il trasferimento e la lavorazione di altre 5 mila tonnellate al mese di pattume. “Ringraziamo l’amministrazione regionale dell’Abruzzo per la rinnovata disponibilità” commenta il presidente Zingaretti. Aggiunge Massimiliano Valeriani, assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti : Valuteremo l’eventuale proroga dell’ordinanza regionale che ha permesso di ripulire la città in poche settimane, ma servono soluzioni di lungo periodo”.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Emergenza Roma, Mazzocca: “Aiuto dall’Abruzzo ma solo per il trattamento”

Il pattume romano andrà a Chieti e Aielli, ma non a Sulmona