Nuovi lampioni, l’autorizzazione manca su via Mazara (?) non all’Annunziata

Accecano, impossibile immortalare il complesso della Santissima Annunziata nel suo insieme, la luce al led spara, spacca e stordisce dai nuovi lampioni. Provvisori scrivono dal Comune, ma perché scomodarsi tanto per cambiarli con una luce così fredda, algida e a dir poco fastidiosa e poi ridisporre i vecchi.

Siamo sicuri che saranno reinstallati fra 2 mesi quando magari l’abitudine avrà avuto la meglio sul buon senso?

Difficile non fare la fine delle falene in centro storico a Sulmona dove le braccia dei lampioni sembrano esoscheletri che richiamano rettili volanti, tipo Pterosauri. Così dopo l’intervento e le polemiche sollevate da Italica (il movimento d’identità e territorio ha chiesto una pianificazione degli interventi in centro storico), che ha pregato l’amministrazione comunale di evitare approssimazioni tanto evidenti, ieri pomeriggio un funzionario del ministero per i beni e le attività culturali (il Mibact è stato chiamato in causa da Italica), ha denunciato il fatto ai carabinieri di Sulmona chiedendone l’intervento perché i lavori di sostituzione dei lampioni mancano dell’autorizzazione, ma non si comprende perché siano stati segnalati su via Mazara e non all’Annunziata, su corso Ovidio. All’arrivo dei militari dell’Arma sul posto dell’installazione era presente il responsabile della ditta che procede. Il titolare ha deciso di sospendere i lavori in attesa di chiarimenti dell’amministrazione comunale.

Archivio

Interventi in centro, Italica: l’amministrazione distrugge il poco di buono che è rimasto