Migranti climatici. Ipcc conferma i timori espressi da Report-age 5 anni fa

Report-age.com ha cominciato ad approfondire l’argomento circa 5 anni fa e oggi i nostri timori sono confermati anche dal rapporto Climate change and land che proprio in queste ore è stato messo a disposizione dal gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Ipcc).

In breve il report sottolinea che ad essere maggiormente minacciati dagli impatti dei futuri cambiamenti climatici saranno le regioni tropicali e semi-tropicali dove si prevede che i raccolti diminuiranno con l’aumento delle temperature. É probabile che l’aridità aumenti in aree dell’Asia Meridionale, Centrale e Orientale e dell’Africa Occidentale, dove risiede circa la metà delle popolazioni con problemi di natura alimentare che, di conseguenza, genererà un ulteriore aumento del fenomeno migratorio. Prezzi degli alimenti e riduzione dei terreni coltivabili faranno il resto. Anche nel Mediterraneo sarebbe ridotta la produttività agricola a causa delle precipitazioni e dell’aridità e si prevede che questo trend aumenterà nel futuro, così espone il lavoro l’Adnkronos.

Archivio

Aconfine delle calamità: i prossimi saranno Profughi Climatici