Ancora d’approvare il Piano economico finanziario di Strada dei Parchi, ma non scatteranno gli aumenti

Dal 1° settembre non scatterà l’aumento del prezzo del pedaggio per percorrere i tronconi autostradali che collegano l’Abruzzo a Roma, questo nonostante il Piano economico e finanziario (Pef) di Strada dei parchi spa non sia stato approvato, ieri, dal Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe). Entro il 31 agosto scade il congelamento delle tariffe e se non si provvede all’approvazione del Pef seguirebbe la stangata.

Aggiornamento

Stangata evitata con il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli che, riferisce in una nota il presidente della Regione Marco Marsilio: “..ha garantito che il concessionario, con il quale sta interloquendo, si farà carico di sospendere questo incremento in attesa che si concluda questa procedura e naturalmente il nostro auspicio è che questo avvenga presto e che ci vengano date rassicurazioni formali in tal senso”.

La procedura è quella dell’approvazione del Pef, attesa da 5 anni. Il Piano economico e finanziario ieri ha comunque ricevuto il parere sostanzialmente favorevole dell’Autorità di regolazione dei trasporti (Art). Il Pef prevede un investimento di circa 3 miliardi di euro per interventi di messa in sicurezza sismica dell’autostrada abruzzese (A24 e A25), 2 miliardi sarebbero a carico dello Stato e 1 miliardo a carico della società che gestisce l’autostrada dei parchi. Gallerie e viadotti del tracciato, soprattutto per le aree interne (vedi viadotti peligni), sono punto di collegamento indispensabile per il Corridoio adriatico, si tratta di opere strategiche per  finalità di protezione civile da utilizzare in caso di calamità naturali, la classificazione è cristallizzata per le autostrade A24 e A25 nel decreto del Presidente del consiglio dei ministri del 21.10.2003. Proprio per questi tronconi  autostradali, soprattutto dopo il terremoto del 2009, è diventato indispensabile un adeguamento sismico, disposto dalla legge 228 del 24 novembre 2012.

Verso lo sciopero dei casellanti sulle autostrade italiane, per il rinnovo del contratto di settore, domenica e lunedì  viaggiare anche sulle autostrade abruzzesi richiederà un po’ più di pazienza, oltre alla necessaria attenzione, in un periodo di viaggi e vacanze come quello di agosto.

Archivio

Viadotti Peligni da demolire: documenti progetto bretelle Toto

Una risposta a "Ancora d’approvare il Piano economico finanziario di Strada dei Parchi, ma non scatteranno gli aumenti"

I commenti sono chiusi.