Sabato in spiaggia per dire No ai progetti impattanti

Pescara. Il 20 luglio dalle ore 10 in spiaggia libera Moroni a mare, allo sbocco di via Leopoldo Muzii, giornata contro le trivelle, i gasdotti, le raffinerie e i petrolchimici.

Gli ambientalisti si ritrovano per dire ancora No a tutte le opere ad impatto ambientale che compromettono i territori, i beni comuni, l’ambiente, il paesaggio, la qualità della vita. Nel corso della manifestazione si chiederanno urgenti bonifiche dei siti inquinati, di liberare dal mare e la terra dalle devastazioni e dai veleni.

“Abbiamo bisogno di una rivoluzione che porti l’attuale modello energetico fuori dai combustibili fossili, che blocchi le grandi opere inutili impedendo l’ulteriore consumo del suolo e la devastazione ambientale” scrive in una nota un movimento che partecipa alla campagna. Occorre soprattutto ricordare che una rivoluzione importa anche idealità, così la definiva Benedetto Croce.