Concorso per un avvocato al consorzio di bonifica Aterno-Sagittario in disavanzo

Un concorso contestato sul nascere quello che si svolgerà giovedì mattina per la selezione, per titoli ed esami, volta all’assunzione a tempo determinato, per 12 mesi prorogabili, di un funzionario amministrativo nel consorzio di bonifica Aterno-Sagittario.

Su questo avviso pubblico per l’assunzione di un avvocato, dal costo annuo di 75 mila 500 euro, si sono fatte sentire persino Cia e Confagricoltura Abruzzo perché le 2 organizzazioni ritengono che il consorzio di bonifica Aterno-Sagittario non ha bisogno di un legale, secondo le sigle occorrerebbero figure tecniche come ingegneri o geometri per evitare l’affidamento esterno delle attività di progettazione, con conseguente aggravio delle spese. Interviene anche il circolo di Pratola Peligna (Aq) del Partito democratico che chiede trasparenza e meritoo: “Gli ultimi bilanci si sono potuti chiudere solo grazie alla Regione che ha prestato all’ente circa 800 mila euro da restituire in rate annuali a copertura del disavanzo di amministrazione, chiediamo ed auspichiamo che il concorso, ormai irrevocabile, si svolga nella trasparenza e nel rispetto del merito non potendo essere strumento per accontentare i soliti noti o peggio per concedere contentini elettorali, trattandosi soprattutto di soldi dei contribuenti”.