“Povero orso non ce la fa più” la sua corsa notturna ad Anversa degli Abruzzi

“Povero orso non ce la fa più” si sente dall’audio del video e una macchia scura sullo schermo pian piano assume i tratti e le forme di un Orso bruno marsicano.

Con l’auto in movimento sul punto illuminato dai lampioni compare sulla strada un orso goffo e  arruffato,  più veloce di un cavallo mentre attraversa la variante di Anversa degli Abruzzi (Aq), nel tratto scoperto tra i 2 mini tunnel. Non ci stancheremo mai di insistere suggerendo di non stare a meno di 100 metri di distanza di un orso se lo incontriamo e in auto, su una strada asfaltata, fermiamoci e diamogli il tempo di allontanarsi senza inseguirlo con i fari accessi. L’orso teme l’uomo e se ne mantiene a distanza non ha un’ottima vista, ma sa arrampicarsi sugli alberi e corre veloce quanto un cavallo.

A destra del video, girato qualche sera fa, c’è Anversa accogliente località turistico montana e lui, l’Orso bruno marsicano, che scappa verso il ciglio della strada, deve vederci davvero poco e quando si accorge di aver scelto la direzione sbagliata il muro in cemento armato gli si para innanzi al muso. Un muro talmente alto e ripido da impedirgli di svicolare. Arrampicarsi da lì è impossibile anche per uno come lui. Orso fermo, il telefonino viene spento. E poi? Immaginiamo il seguito: l’orso ha qualche attimo per orientarsi, il veicolo è fermo, c’è spazio di manovra e così riprende la sua folle corsa deviando e dopo pochi secondi dritto verso la libertà, in discesa su una lieve scarpata, destinazione alberi da frutta.

mariatrozzi77@gmail.com

Video

(Non conosciamo  l’autore del video che, in ogni caso, può contattarci)

Archivio

Orso ad Anversa degli Abruzzi, mai verificati casi di aggressione. Istruzioni in caso d’incontro ravvicinato