Piani energetici e ambientali, Campitelli: “Più sostegno ai Comuni”

Incontro operativo a Roma coordinato da Enea, Agenzia per l’energia nazionale, con la partecipazione della Commissione europea, ufficio Patto dei sindaci, il comitato delle Regioni, Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), i sindaci e le Regioni per individuare una giusta governance e aggiornare le pianificazioni comuni da piani energetici a piani energetici e ambientali.

La Regione Abruzzo è stata rappresentata dall’assessore Nicola Campitelli, che ha proposto di proseguire la gestione con il diretto riferimento ai Comuni in modo che possano governare il territorio e monitorare i consumi, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 40% entro il 2030. Raccogliendo le istanze dei sindaci abruzzesi, l’assessore ha chiesto di prevedere una maggiore assegnazione di risorse su questa azione, utilizzando i fondi di coesione Europea. “I Comuni non devono più rimanere da soli – ha concluso Campitelli – la governance verrà garantita dal coordinamento e dal supporto della Regione che riferirà ai ministeri e alla Ue gli interventi necessari”.