Pingue alla sindaca Casini: “Riprenda le deleghe delle società partecipate”

Fabio Pingue interviene sulla vicenda del sequestro di documenti contabili della Guardia di finanza dell’Aquila eseguito l’altro ieri nella ex sede di Sviluppo Italia, dove sono da poco stati trasferiti gli uffici del Cogesa la società partecipata a capitale pubblico che gestisce il servizio di pulizia, trasporto e smaltimento dei rifiuti nell’entroterra abruzzese. Pingue chiede alla sindaca di Sulmona (Aq), Annamaria Casini, di riprendere le deleghe delle società partecipate.

“Il garantismo prima di tutto. Quando sull’amministrazione della cosa pubblica si adombra il sospetto della falsità, la più istintiva reazione è quella di aspra condanna per il solo fatto che tale dubbio si sia insinuato- scrive l’ex consigliere di maggioranza – Le persone coinvolte hanno diritto, invece, al rispetto della presunzione di innocenza, caposaldo imprescindibile dello stato di diritto. Confido che, nell’istruttoria o nelle fasi processuali, tale innocenza sarà definitivamente confermata. Cionondimeno, l’opportunità politica e il buon senso impongono che la comunità sia rassicurata da ogni possibile incertezza in ordine alla corretta amministrazione dell’apparato pubblico. Il Sindaco si faccia, dunque, garante della trasparenza e riprenda nelle sue mani le deleghe sulle società partecipate conferite all’assessore Mariani. Quanto accaduto ripropone una vera e propria questione morale sulla contiguità tra la gestione amministrativa e la politica che, almeno nella nostra comunità, non aveva mai raggiunto livelli di commistione tanto elevati. Il limite della contiguità, se valicato, diventa interferenza e compromette irreversibilmente l’immagine di terzietà e trasparenza che l’ente pubblico, nell’interesse della collettività, deve sempre conservare. Una riflessione, questa, alla quale sono chiamati principalmente oggi Enzo Margiotta e … Di Loreto che, nei rispettivi ruoli, dovrebbero prendere in considerazione l’idea di lanciare un segnale chiaro di presa di distanza da quelle ingerenze che hanno prodotto sospetti e, addirittura, ipotesi di reato, rassegnando le loro dimissioni” conclude  Fabio Pingue.