Castel di Sangro, rubata la Fototrappola antinquinatori

Castel di Sangro (Aq). Non è durata nemmeno un mese la fototrappola, installata dai carabinieri forestali, su un’area di sosta della statale 17 in un’area dove troppo spesso vengono abbandonati rifiuti di ogni genere.

Nell’attività di prevenzione e repressione dei reati ambientali, l’Alto Sangro sta facendo passi da gigante. Contro gli inquinatori sono state messe in campo, in questi ultimi 2 anni, diverse attività di controllo per siti abbandonati, capannoni in disuso e per contenere l’inquinamento e l’abbandono di rifiuti in quest’area di pregio naturalistico di livello europeo. Per incastrare chi getta immondizie e rifiuti speciali e pericolosi ai margini della statale, ed in particolare su una piazzola di sosta scambiata per una discarica abusiva, il 17 aprile i carabinieri forestali di Castel di Sangro hanno installato il sistema di video sorveglianza, lo stesso sistema di telecamera che coglie di sorpresa i cacciatori in zone dove l’attività venatoria è interdetta. I militari, qualche giorno fa, si sono accorti però che la telecamera nel piazzale è stata rubata.

mariatrozzi77@gmail.com