Liberazione. Cerimonie nel 74° anniversario in provincia dell’Aquila

L’Aquila. Schieramento del IX Reggimento Alpini, Battaglione Vicenza per la cerimonia principale della Liberazione nel 74° anniversario nel capoluogo di regione.

Al monumento ai caduti della villa comunale oltre alle Forze Armate e ai Corpi armati dello Stato hanno reso onore ai caduti il prefetto dell’Aquila Giuseppe Linardi, l’onorevole Stefania Pezzopane, l’arcivescovo metropolita dell’Aquila Giuseppe Petrocchi, i presidenti della Regione Marco Marsilio e della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso, il vice sindaco dell’Aquila Raffaele Daniele e il comandante militare dell’Esercito per l’Abruzzo generale Giuseppe Di Giovanni. Altre cerimonie si sono tenute nel capoluogo abruzzese in piazza IX Martiri, nel piazzale Alenia-Thales, all’interno della Caserma Pasquali-Campomizzi nel luogo dell’eccidio dei 9 martiri Aquilani nonché nelle frazioni di Onna e Filetto.  Inoltre, si sono svolte delle commemorazioni anche nei capoluoghi di provincia di Chieti, Pescara e Teramo nonché nei centri di Avezzano e Sulmona (Aq) dove in piazza Carlo Tresca è stato  commemorato il sacrificio di quanti hanno lottato per la libertà e la democrazia, contro il fascismo e nazismo alla presenza di Gilberto Malvestuto, 98enne che ha combattuto nella Brigata Maiella. “Sarebbe stata auspicabile, analoga attenzione, cura e devozione in occasione della ricorrenza, avvenuta solo 2 giorni fa, della morte dell’illustre sulmonese Giuseppe Capograssi che fu giurista e filosofo italiano, nonché membro della Corte Costituzionale” scrive in una nota l’associazione Jamm mo che con i suoi componenti ha partecipato alla celebrazione mattutina svolta dinanzi al monumento ai caduti di Sulmona.

Alcuni momenti della cerimonia a Sulmona