Lavori Megalò2: restano fermi in attesa di giudizio

Il Tribunale amministrativo regionale di Pescara ha respinto con ordinanza (n 41/2019) la richiesta di sospensivaa nel ricorso della Sile costruzioni srl contro i giudizi del comitato regionale per la valutazione d’mpatto Ambientale (Via).

La Sile é la ditta che ha sostituito la Sirecc nel progetto Megalò 2, secondo centro commerciale nell’ex bacino naturale di raccolta delle acque fluviali e piovane a Chieti Scalo. Sile ha chiesto l’annullamento, previa sospensiva, di alcuni pareri del comitato Via: il 2775/2017 più quello confermativo 2854/2017 che aveva rigettato la richiesta di proroga di un precedente giudizio, del 2012 (e quindi scaduto), ha dichiarato improcedibile la richiesta di modifica sostanziale del progetto stesso limitatamente alle opere edili e il giudizio n 2915 del 12.06.2018 con cui era stata ancora una volta confermata la decadenza del giudizio Via 1295 del 10.04.2012 e nel quale i Comuni di Cepagatti e Chieti erano stati invitati ad adottare i consequenziali provvedimenti.

Si legge nell’ordinanza del Tar: “Premesso che, ai sensi dell’art. 55 comma 10 c.p.a. (nota: c.p.a.= codice procedura amministrativa), la fissazione dell’udienza di discussione in sede cautelare presuppone che le esigenze del ricorrente siano apprezzabili favorevolmente, ritenuto che, ad un sommario esame, i motivi di censura dedotti non appaiono, allo stato, supportati da sufficiente fumus boni iuris, tale da indurre a una ragionevole previsione sull’esito favorevole del ricorso, tenuto conto che, allo stato, non risultano gravate le ordinanze di sospensione dei lavori n. 144 del 13.03.2019 del Comune di Chieti, e n. 8 del 18.03.2019 del Comune di Cepagatti; che, comunque, le predette ordinanze risultano emesse in ottemperanza alla sentenza n. 69/2019 – attualmente non appellata – con cui questo Tar accoglieva il ricorso proposto dalla Regione e per l’effetto annullava la determinazione conclusiva della conferenza di servizi Sincrona del 18.4.2018, con oggetto la voltura in favore della società ricorrente, quale subentrante, dei titoli abilitativi rilasciati dai Comuni di Chieti e Cepagatti in favore della .. Sirecc srl inerenti i lavori oggetto del giudizio Via la cui decadenza è ” contestata ” nel presente giudizio; che pertanto va respinta la domanda di sospensione dell’esecuzione sopra descritta”.

Per la decisione definitiva bisognerà attende l’udienza sul ricorso Sile ancora non fissata. Il Wwf fa appello alla politica affinché intervenga a tutela dell’ambiente e a garanzua della comunità.