Acque di balneazione, per i dati 2019 la stagione e le analisi sono appena cominciate

La stagione comincia a marzo, la determina delle acque di balneazione è di gennaio, i controlli risalgono alla scorsa stagione (2018) per questo le criticità sono le stesse e se anche nulla fosse cambiato rispetto allo scorso anno, cerchiampo di essere un po’ ottimisti.

Aggiornamento

Analisi già commentate lo scorso anno quelle in cui si evidenziavano 10 aree con qualità scarsa delle acque di balneazione,8 in qualità sufficiente, buona per 14 punti.Nessuna novità sino a quando i tecnici Arta, Agenzia regionale della tutela ambientale, non eseguiranno da aprile a settembre, i nuovi campionamenti. Per il momento e in attesa degli esiti dei nuovi controlli i dati restano quelli dello scorso anno per le acque di balneazione dei 114 tratti monitorati nei 126 km di costa abruzzese e senza escludere il lago di Scanno (Aq) nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise a 930 m di quota. Le criticità sono soprattutto alla foce dei fiumi Pescara, Tordino, Feltrino, Arielli e Foro e secondo alcuni sarebbero rimaste le stesse per la prossima stagione.

Se il problema della balneabilità in Abruzzo dipende anche e soprattutto dalla depurazione allora siamo sicuri che le cose non cambieranno sino a quando mancherà una vera e proprio attività di prevenzione. Due le ipotesi più comuni: gli impianti ci sono, ma non funzionano o non funzionano bene. E un’altra ipotesi, riguardante  depuratori fantasma perché non sono stati nemmeno installati e si continua a scaricare nei corsi d’acqua senza autorizzazione. Soprattutto sul fiume Pescara un aspetto importante potrebbe ricoprire l’analisi della presenza nelle acque di metalli pesanti. In provincia dell’Aquila invece occorrerebbe magari insistere sui controlli ai depuratori. Non ultimo, se non in ordine di tempo, il sequestro deu tubi di scarico di alcune attività commerciali che finivano nel torrente Raio proprio nel capoluogo di regione.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Scarichi di Attività Commerciali nel Torrente Raio all’Aquila