Il Giardino dei Frutti Antichi, a Lucoli Coltivano Memoria

Lucoli (Aq). Da 9 anni il Giardino della memoria del sisma di Lucoli è dedicato alle 309 vittime del terremoto del 2009. L’associazione Noi per Lucoli ha legato i nastri della memoria delle vittime del sisma del 2009 realizzando un giardino di Frutti Antichi sito di  biodiversità e di grande valenza paesaggistica.

La vegetazione del giardino rappresenta l’identità del territorio, frutti che in questo Quarantennio hanno conosciuto un lento e silenzioso abbandono per l’affermazione della frutticoltura industriale. Il giardino di Lucoli è una sorta di piccola Arca di Noè con tipologie di frutti autoctoni dell’Appennino, quasi scomparsi e recuperati grazie alla tenacia dei contadini. Il 6 aprile per l’anniversario del terremoto d’Abruzzo, alle ore 15 sarà celebrata una Santa Messa presso l’abbazia di San Giovanni Battista, nei pressi di un frutteto per trattenere la memoria di una cultura contadina rispettosa  del ciclo delle stagioni. Poi gli associati doneranno ai partecipanti, fino ad esaurimento, delle piante da frutto  che stanno riprendendo piede attorno al Giardino: “Vogliamo conservare e far conservare, in modo concreto, il ricordo delle persone alle quali abbiamo dedicato questo luogo legandolo alla conservazione delle biodiversità frutticole dell’Appennino”.