Diversamente Abili Completamente Soli

“Per il centro diurno di Torrone, in valle Peligna, la Regione stanzia i soldi che non vengono utilizzati ” Mauro Nardella, consigliere Aias, interviene sui problemi alla struttura dell’Associazione italiana assistenza spastici (Aias).

Aggiornamento

“Abbiamo più volte sollecitato Sulmona, Comune capofila dell’Ambito sociale peligno affinché potesse farsi carico della grave situazione economica nella quale versa il centro diurno di Torrone. Tuttavia alle promesse non hanno mai fatto seguito fatti – spiega Nardella – Eppure i contributi regionali erogati per il centro sono pari a 10 mila euro per il 2018 e ci sono anche per il 2019. Solo che per essere erogati è necessaria una convenzione che, per mancanza di tempo, ci è stato più volte detto dal sindaco Annamaria Casini e dalla dirigente di settore che dovrebbe elaborarla, non c’è stata mai attribuita”.

Nardella aggiunge che per il convenzionamento si é atteso il perfezionato entro fine gennaio, inutilmente perché non solo sono andati perduti i fondi per il 2018, così delibera del consiglio d’amministrazione, il centro diurno capitanato da Sante Ventresca, è stato costretto a dimezzare le ore lavorative per l’assistenza dei ragazzi.
Il tutto con conseguenze non certo positive per il futuro, dei servizi offerti dall’Associazione italiana assistenza spastici. In breve, il consigliere Aias dice che l’Ambito sociale peligno avrebbe dovuto fare molto do più, ma che si é ancora in tempo per l’assegnazione del contributo 2019 destinato al centro . “Toccherà ai 17 Comuni d’ambito adoperarsi con i rispettivi sindaci per deliberare un metodo che oltre ad evitare il pellegrinaggio quotidiano dei diversamente abili metta in condizioni di vivere sereni con le liro famiglie in questo territorio”.