Pratola. Scuola d’infanzia a Pratelle: presentato un Esposto su Criticità stradali e strutturali

Pratola Peligna (Aq). Un esposto per evidenziare alcune criticità strutturali e stradali è stato presento stamane per l’edificio di via Codacchio che dal 12 febbraio ospita, provvisoriamente, circa 150 alunni della scuola d’infanzia.

Nell’esposto, presentato da un 64enne pratolano e indirizzato anche ai militari dell’Arma della locale stazione, si fa riferimento soprattutto alla pericolosità delle vie d’accesso alla scuola, ai pericoli e ai rischi più volte segnalati in queste settimane dai genitori dei giovanissimi scolari che frequentano, da un mese, località Pratelle.

Fredda e umida, tra le più basse della valle Peligna, l’area un tempo era ricchissima d’acqua, a detta degli anziani. L’esposto, depositato oggi, fa riferimento anche a carenze strutturali che sarebbero presenti nella struttura adibita ad edificio scolastico. In termini di trasloco è stato speso abbastanza, investire in sicurezza e serenità a beneficio dei più fragili tra i pratolani vale la pena. Una puntuale verifica diraderà nebbie e paure.

Storico. Dopo innumerevoli annunci e rinvii finalmente, un mesetto fa, viene dato seguito al trasferimento che interessa i bambini della scuola dell’infanzia, traslocati da piazza Indipendenza dove gli alunni delle elementari ora hanno più spazio a disposizione. Questo in attesa della realizzazione di un plesso scolastico. Trasloco costoso per la minoranza in Consiglio comunale, Pratola insieme aveva proposto una soluzione alternativa e meno dispendiosa: il trasferimento dei picvoli nel palazzo di vetro, il municipio, con gli uffici comunali spostati nell’edificio del giudice di pace. Soluzione che non piace all’amministrazione Di Nino.

Vigili urbani, autovelox su strada e incrocio con via Rocco Di Pillo non sembrano bastare ad allontanare timori e paure dei genitori.

mariatrozzi77@gmail.com