Controlli dei Nas alle case di riposo, all’Aquila chiusa una struttura, irregolarità a Sulmona

Una casa per anziani completamente abusiva, aperta senza autorizzazione comunale, è stata scoperta dai Carabinieri del Nucleo anti sofisticazioni (Nas) all’Aquila, i militari sono intervenuti dietro segnalazione.

La struttura, il cui valore ammonta ad un milione di euro, incluse le attrezzature, è stata interamente chiusa ed è stato segnalato il legale responsabile G. C. 40enne di Pescara, residente all’Aquila. I Nas di Pescara stanno eseguendo diversi controlli nelle case di riposo di tutta la provincia in questo periodo.

Il 5 marzo a Sulmona i Nas hanno controllato un’altra casa di riposo, Santa Lucia, gestita da una cooperativa aquilana. I militari hanno segnalato A.  P. aquilano 57enne, presidente e legale rappresentante di quest’altra struttura. Già una settimana fa i militari hanno fatto visita alla casa albergo di porta Romana, gestita da una fondazione religiosa.

In valle Peligna, ripetiamo, il numero di anziani ospitati è superiore ai posti disponibili. Come nella prima anche nella Santa Lucia sarebbero ospitati più anziani del consentito, per l’esattezza in questo caso sarebbero 8 gli ospiti in più. All’apparenza, alcuni risulterebbero non autosufficienti e ci sarebbero delle inadeguatezze igienico sanitarie e strutturali nelle cucine. Nel locale infermeria le bombole di ossigeno non sarebbero in sicurezza. Rispetto alla struttura che sarebbe stata visitata una settimana fa, in quest’altra si aggiungerebbero altri aspetti, non sarebbero in perfetto stato i dispositivi antincendio e non sarebbero esposte le planimetrie dei locali per indicare uscite di sicurezza e l’ubicazione dei dispositivi antincendio. La metratura delle camere sarebbe inferiore rispetto a quella prevista per il numero di posti letto presenti in alcune.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Troppi ospiti nel Centro anziani: amministratore ‘segnalato’