Carcere, ampliamento quasi pronto. Nardella: ‘Siano rivisti gli organici dei corpi di Polizia’

Sulmona (Aq). Primi moduli prefabbricati in arrivo in valle Peligna da installare nella Casa circondarialeper fare spazio a nuovi arrivi. “A luglio dovrebbero essere completate le operazioni della messa in opera salvo poi passare alla fase di completamento” spiega il sindacalista Uil Mauro Nardella.

Entro la metà del 2020 sarà completato l’ampliamento del carcere ovidiano capace di ospitare,  secondo i parametri imposti dalla sentenza Cedu, altri 200 detenuti, rispetto ai 500 già ospitati. É previsto un aumento di 40 agenti. “Cauta soddisfazione esprimo per quella che, se sfruttata al meglio, consentirà a non meno di 40 operatori penitenziari, oltre a tutti i neo vice ispettori di stanza al supercarcere cittadino e per i quali la Uil si augura la loro permanenza in sede, di giungere in terra peligna – aggiunge Nardella – L’auspicio è che l’amministrazione penitenziaria prenda atto della disponibilità d Sulmona ad accettare centinaia di detenuti in più purché ne guadagni in termini demografici e istituzionali. Non sarebbe male, a tal proposito, prevedere  la rivisitazione in positivo delle piante organiche anche degli altri corpi di polizia atteso che maggiorata sarà la presenza di trasferimento di detenuti e di familiari degli stessi per via della loro chiamata ai colloqui settimanali. Va da sé che anche il restante corpo istituzionale cittadino ( vedasi mantenimento nonché potenziamento del tribunale ad esempio) non potrà non tenere conto di ciò. Invitiamo quindi tutti gli attori protagonisti della scena amministrativa cittadina a prenderne atto e a far propria una realtà che, se impostata bene, potrà portare un respiro demografico ed economico ad una città che tutto merita fuorché quello di continuare a vivere uno stillicidio di continue privazioni” conclude il segretario Uil pa Polizia penitenziaria Mauro Nardella.