Abruzzo. Alberi abbattuti dal vento forte della Pertubazione Siberiana

Anche in Abruzzo raffiche di vento e freddo, da ieri sera, scuotono la costa e le aree interne generalmente riparate dalle montagne. In tutta la regione moltissimi gli interventi dei Vigili del fuoco. Ad Avezzano e in Marsica tetti danneggiati e alberi a terra, così in valle Peligna. In Alto Sangro dal tetto dell’ospedale il vento ha spazzato via della guaina.

É stato abbattuto dal vento a Sulmona (Aq) un cipresso nell’area del distributore di carburante vicino l’ex Caserma Cesare Battisti che ospita gli alunni di una scuola primaria. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di Sulmona impegnati in decine di interventi in queste ore. Sotto controllo la situazione nella villa comunale di viale Roosevelt e nell’area della scuola Panfilo Serafini dove ci sono molti alberi a grande fusto. Su via Sallustio, sempre i vigili del fuoco di Sulmona, hanno provveduto al taglio di un albero, alle ore 10.30. Si sta predisponendo l’apertura del Centro operativo comunale (aperto appena prima delle ore 14).

Più che raffiche si tratta di vere e proprie bordate di vento, si raccomanda massima prudenza per gli automobilisti costretti a viaggiare in queste ore, soprattutto per quelli che transitano sulla statale 17, se non è necessario è il caso di non spostarsi da casa. Niente neve, per il momento, nei centri abitati, almeno a circa 300 metri sul livello del mare, l’allerta meteo della Protezione civile, diramato ieri pomeriggio, è valido per oggi e domani

La perturbazione di origine siberiana è in corso: “Nella tarda serata di oggi, venerdì, e per le successive 24-36 ore, si prevedono venti forti o di burrasca Nord-orientali su Sardegna, Emilia-Romagna, Marche, Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia, con raffiche fino a burrasca forte sui versanti adriatici e ionici e possibili mareggiate lungo le coste esposte – così il bollettino – Dalla notte di oggi, venerdì 22 febbraio e per le successive 18-24 ore, si prevedono nevicate sparse a quote superiori a 200-300 metri, ma localmente fino a livello di pianura, su Abruzzo, Molise e Puglia, con apporti generalmente moderati, localmente abbondanti a quote di montagna“.

Grossi alberi sono stati abbattuti, altri sono a rischio caduta per il vento. Sempre a Sulmona, sulla statale 17, all’intersezione con via Montesanto, un grosso albero di Noce è finito a terra per le forti raffiche ostruendo una corsia dell’incrocio. Sul posto i carabinieri di Sulmona (Aq).

mariatrozzi77@gmail.com

Video delle 11.30 Ss17

 

Soldi buttati al vento all’ospedale Castel di Sangro dove parte del tetto, per il vento forte, è finito a pezzi e a terra, tra guaine e materiale isolante dell’ultimo intervento sulla struttura, eseguito pochi anni fa e costato diversi milioni di euro.

A Sulmona, nel presidio sanitario di viale Mazzini, dei pannelli isolanti di cartongesso sono finiti nei sotterranei dell’ ala vecchia del nosocomio Peligno, ex repartino per detenuti.

 

Vetri rotti in alcune scuole della città e tegole in bilico. Si consiglia di prestare massima attenzione a chi deve mettersi in marcia.

mariatrozzi77@gmail.com