“Informate i migranti sul Codice della strada” così la Prefettura ai responsabili dell’accoglienza

I referenti delle strutture di accoglienza sono invitati dalla Prefettura dell’Aquila ad informare tutte le persone che ospitano sulle norme del Codice della strada che regolano la circolazione dei velocipedi. Questa è la prima risposta della Prefettura dell’Aquila ai gravi problemi di sicurezza stradale segnalati dall’avvocato Gianluca Lanciano.

Una missiva della Prefettura è indirizzata all’Anas e un’altra ai referenti delle strutture di accoglienza, in particolar modo a quella dell’Europa park hotel. Per prevenire eventuali situazioni di pericolo e garantire sicurezza stradale sia dei cittadini che dei migranti il viceprefetto, Malgari Trematerra, ha invitato i referenti delle strutture di accoglienza ad informare i migranti sul Codice della strada, esattamente sulla disciplina (art. 182 e 190 Cds) che regola la circolazione dei velocipedi (biciclette) e dei pedoni anche mettendoli a conoscenza delle sanzioni in cui incorrono. La Prefettura ha anche invitato i responsabili delle strutture a fornire ai loro ospiti adeguati dispositivi visivi secondo la normativa vigente. Trematerra ha inoltre sollecitato l’Anas  ad intervenire con urgenza sul tratto, tra Pratola Peligna e Sulmona (Aq), nei punti critici della statale 17 pieni di buche, rattoppi e voragini che mettono a rischio l’incolumità degli utenti della strada.

In una lettera l’avvocato Lanciano, responsabile del sito Miolegale.it, appena 5 giorni fa ha chiesto ad istituzioni e Forze dell’ordine d’intervenite perché molti dei suoi clienti, percorrendo la statale 17, hanno avuto incidenti e così anche lui, tra i miracolati, ha evitato tra una buca e l’altra d’investire dei ciclisti, inghiottiti dal buio, senza gilet ad alta visibilità e con le biciclette sguarnite di luci. Il problema riguarda soprattutto gli ospiti delle strutture di accoglienza del territorio che usano le due ruote come mezzo di trasporto per i collegamenti e transitano a tutte le ore sulla statale per rientrare, anche a notte fonda, nelle strutture di riferimento. Dall’incrocio della statale 17 con viale della Repubblica e su quest’ultima strada, di competenza del Comune di Sulmona, sarà necessario un intervento in termini di prevenzione e sicurezza per ridurre al minimo l’eventualità di altri incidenti stradali e atri investimenti.

mariatrozzi77@gmail.com

Lettera 1 Prefettura 

Lettera 2 Prefettura

Archivio

Strade dissestate e Ciclisti inghiottiti dal buio: gilet e luci per individuarli. Appello a Forze dell’ordine e Istituzioni

La bici è un azzardo per chi è all’oscuro di tutto. Paolucci (Fn): ‘Occorrono Gilet catarifrangenti, caschetto e luci’