Due giornate per il Lupo ad Atri per il grande carnivoro

Due giornate ad Atri (Te) dedicate al lupo e al suo mondo, ad organizzarle è il Wwf Teramo con l’oasi riserva regionale dei Calanchi e il gruppo di studio Project wolf ethology – Cseba Teramo. Obiettivo: far conoscere le abitudini di questo splendido predatore, illustrare i risultati di un progetto di studio protrattosi nell’ultimo anno all’interno dell’area naturale protetta atriana e presentare le attività che si possono mettere in atto per garantire la convivenza di questo splendido predatore e con l’uomo.

Domani si parte  alle ore 10.30 presso l’istituto tecnico agrario Adone Zoli di Atri con la seconda tappa del Wolf school tour organizzato dal Wwf Teramo e dal project Wolf ethology per diffondere la convivenza tra uomo e lupo attraverso conoscenza e divulgazione. L’incontro con gli studenti sarà coordinato da Daniela Magno, Dirigente scolastico, e vedrà la partecipazione dei ricercatori Andrea Gallizia, Federica Bava e Francesca Trenta del Project Wolf Ethology, nonché di Pierluigi Ricci del Wwf Teramo che presenterà le attività che l’associazione svolge in tutta Italia per la tutela del Lupo. Al termine dell’incontro sarà anche presentato un lavoro svolto dagli studenti sulla tutela del Lupo.

Sabato 9 febbraio alle ore 16 presso il centro visita dell’oasi Wwf, a colle della Giustizia ad Atri, si terrà la tavola rotonda Il Lupo: un anno di ricerche nell’Oasi Wwf Riserva naturale regionale Calanchi di Atri. Dopo i saluti di Alfonso Di Basilico, assessore alle aree protette del Comune di Atri e di Adriano de Ascentiis, direttore dell’oasi, ci saranno gli interventi di Filomena Ricci, referente conservazione del Wwf Abruzzo, Andrea Gallizia, Federica Bava e Francesca Trenta del Project wolf ethology che illustreranno i risultati dello studio sui lupi della riserva e Antonio Pollutri del Wwf Italia che presenterà le collaborazioni dell’associazione con gli allevatori per la conservazione del lupo.