Centrodestra a Casini: Tira le Somme

L’amministrazione Casini è agli sgoccioli. Come già tentato poco tempo fa con un documento il centrodestra è pronto alle dimissioni contestuali dei consiglieri e rinsalda le fila per l’inevitabile tutti a casa. Si riparte da zero?

Aggiornamento

Il progetto politico del civismo gerosolimiano è tramontato, peggio ancora dicono, è fallito miseramente. La coalizione (Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia) è pronta alle dimissioni contestuali. Alleanza per Sulmona, espressione di Fratelli d’Italia, è ancora più decisa e si sta organizzando di nuovo. Sulla parete della sede elettorale della Lega si proiettano i fallimenti più evidenti. Da domenica è ufficiale, la sindaca si è spostata a destra e questa sua dichiarazione non è piaciuta al consigliere di maggioranza (Avanti Sulmona) Fabio Pingue, così oggi il suo assessore comunale, Antonio Angelone, si è dimesso. C’é molto altro che giustifica l’apertura della crisi a Sulmona, ma la goccia che fa traboccare il vaso é questa. E mentre la sindaca si preoccupa di chiarire che lei ha dei diritti politici che può tranquillamente esprimere, la città continua a cadere a picco, a perdere pezzi, a spegnersi inesorabilmente. Disoccupazione, povertà e assenza di futuro, la città delle transenne, alcune all’imbocco di porta Napoli dove gli edifici si sbriciolano, porta Pacentrana al buio, lampioni ciondolanti ovunque. La sindaca a destra? Sinceramente i problemi seri sono tanti e sono altri. E i rappresentanti di questa coalizione non sembrano contenti di trovarsi con la sindaca nel gruppo, anzi. A loro non piace il trasformismo, quell’intrufolarsi a sorpresa e all’ultimo minuto in ogni dove. Questo non è affatto gradito. “Non li vuole nessuno” dicono in conferenza mentre il video racconta a che livello siamo arrivati in questa località, un tempo ridente cittadina. Degrado assoluto che fa il paio, purtroppo, con un imbarbarimento generale degli animi. Le strutture pubbliche non si possono guardare per come sono ridotte. In sala l’ex consigliere comunale Luigi La Civita: “Per la struttura del Parco fluviale occorrerebbero almeno 150 mila euro per riparare i danni”. Danni che più volte il nostro blog ha denunciato, ma senza risposte. La struttura era stata inaugurata dall’amministrazione Rannalli, alla presenza dell’allora neo assessore regionale all’ambiente Mario Mazzocca (2014). Ora è uno schifo. Così attorno al pilone del ponte Capograssi che dà sulla strada, è peggio di una discarica abusiva nei paraggi. Scorrono le immagini sulla fermata delle corriere al distributore di carburante della Circonvallazione Orientale, che pena, piazza Venezuela con buche e senza lampioni, l’area artigianale una selva con gli alberi cresciuti sui marciapiedi smozzicati. Livelli di abbandono mai raggiunti prima: “Non ci sono più parole e questa amministrazione più che le dimissioni di Pingue dovrebbe pensare ad altre dimissioni” aggiunge La Civita. Una situazione disastrosa dove le persone vengono illuse per Fabio Federico, già sindaco di Sulmona, che fa riferimento alla manutenzione delle strade: “L’espressione di un esperimento politico fallito” parla di opportunismo mascherato di cinismo. Temi che non hanno nulla a che fare con la città, una città che ha bisogno di altro. Ne sono convinti al centrodestra e nella conferenza non manca un dovuto accenno al Cogesa e all’incontro è presente anche Gabriele Gianni che della società è stato presidente per molti anni. E in quel periodo gli animi non si accendevano tanto e i dipendenti sapevano di operare in un’azienda in ripresa e poi florida. Chiedono al sindaco di ammettere ciò che agli occhi di tutti è evidente. Per il centrodestra non resta che organizzarsi in tempo per ridare alla comunità una guida capace, vera, possibilmente a maggio. Dal centrosinistra invece il candidato Mimmo Di Benedetto critica il sostegno del sindaco alla candidata Marianna Scoccia. “Non comprendiamo come la prima cittadina sulmonese sostenendo Scoccia possa immaginare di ottenere risultati per la città e per il comprensorio” dichiara Di Benedetto.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

L’assessore Angelone si dimette

“Ripensaci” così Casini all’assessore dimissionario

Al Parco fluviale nel mirino dei vandali, un Condizionatore d’aria è rimasto acceso 2018

Orde di barbari al Parco fluviale devastati i servizi igienici della struttura 2017

Restituito a Sulmona il Parco Fluviale Augusto Daolio 2014