Gianni e Donadei candidati di Forza Italia per Marsilio: Ambiente e Unità

Gabriele Gianni, ieri dai suoi di Forza Italia, è stato definito padre fondatore del Cogesa, la società di smaltimento e trasporto rifiuti che gestisce le discariche di Sulmona e nata come consorzio di comuni peligni per il servizio. A lui si deve anche, spiega Luigi La Civita: “L’ampliamento della discarica e l’organigramma della società dei rifiuti e il traforo che da Anversa degli Abruzzi (Aq) supera il centro abitato per raggiungere un centro turistico come Scanno, sempre nell’aquilano.

Aggiornamento

Fabiana Donadei, assessore al Comune di Pratola e biologa, sta valorizzando la montagna, il parco della Maiella, spingendo così per il recupero di colle delle Vacche, chiarisce La Civita. Sono loro i candidati Peligni di Forza Italia per la provincia dell’Aquila a sostegno del candidato presidente Marco Marsilio per le Regionali del 10 febbraio. Ieri sono stati presentati a Sulmona, nell’aquilano e per loro in sala c’era Nazario Pagano, da poco senatore della Repubblica ed è poi arrivata anche la già senatrice Paola Pelino. Non manca il sindaco di Bugnara, Giuseppe Lo Stracco e si è fatto rivedere Antonio Menchinelli che rappresenta i giovani forzisti. Dopo un lungo elenco di problemi che ben rappresentano la Regione e diversi interventi sul fatto che “il governo non ci è amico…. deprimono l’economia e non creano posti di lavoro. Il welfare è sicuramente una parte importante, non si riammoderna il Paese e non si riduce la pressione fiscale e per gli abruzzesi il primo problema d’affrontare è la mancanza di posti di lavoro” con La Civita che precisa: “Siamo stati noi a difendere il Punto nascita di Sulmona. Non dobbiamo solo promettere ma fornire soluzioni “. Menchinelli, giovane e intraprendente forzista finalmente parla di Gianni Gabriele, il candidato: “.. le sue tirate d’orecchi sono servite molto.. – e ricorda Fabiana Donadei – Per l’impegno contro gli incendi che conferma la politica del fare..” in sala c’è anche il vice sindaco di Pratola Nunzio Tarantelli e interviene poi il giovane Riccardo Tarantelli che parla della piaga della migrazione giovanile: “Un Abruzzo senza infrastrutture e ferrovie con treni ad alta Velocità non ha futuro” . Di nuovo La Civita: “20 milioni di euro per piste da sci, 20 milioni per sanità, 20 milioni per istruzione” merito di ianni Chiodi (già governatore d’Abruzzo) e l’ex consigliere comunale ricorda alcuni passaggi della carriera politica di Paola Pelino per aprire la Medibev. Pelino: ” Questo territorio ha bisogno di rappresentanza. Forza Italia è l’unico partito che oggi, da 25 anni, ha gli stessi volti.. purtroppo siamo abituati oggi a vedere questi salti della quaglia perché certi sono legati alle poltrone. Dal ’94 sono orgogliosa di appartenere a questo partito – per la Medibev annuncia un ampliamento di almeno 20/30 unità lavorative – Tra pochi giorni comincerà la produzione dell’Acqua. La coerenza e il senso di appartenenza devono prevalere” dice. Ancora un intervento e finalmente arriva il momento di Fabiana Donadei, la candidata parla per non più di 7 minuti e sembra avere le idee chiare: “Della passione per l’ambiente ho fatto un lavoro. In amministrazione abbiamo trovato tante difficoltà, non è solo l’ambiente ad essere un punto centrale del nostro programma. Zes.. Protezione civile .. Rappresenteremo le istanze della valle Peligna in Regione”. Il duetto è con Gabriele Gianni: “Devo ringraziare voi che avete ancora pazienza di starci a sentire. Il mio motto è: impegno e coerenza. Una scelta che si deve fare sino in fondo” in pochi minuti il candidato ripercorre i suoi 42 anni di amministratore e accenna, al volo, al problema della Snam.. stanno lì e non si sono mossi.. il progetto della bretella Toto, solo sospeso, della bretella ferroviaria, della polizia ferroviaria cancellata.. della polizia stradale di Sulmona destinata a chiudere.. l’addio agli uffici del monopolio di Stato.. ” e per i fondi sul dissesto idrogeologico i candidato FI accenna alle attenzioni riservate esclusivamente a Prezza (Aq). Poi un accorato appello all’Unità, nemmeno una decina di minuti d’intervento, breve e conciso. A chiudere le quasi 2 ore d’incontro con simpatizzanti ed elettori è un meritato aperitivo.

mariatrozzi77@gmail.com