Via Turati, annunciati interventi. Dove sono le 500mila euro promesse da D’Alfonso? Mistero

Sulmona (Aq). Per via Turati è un mistero l’impegno preso nel 2015 dal presidente della giunta regionale, Luciano D’Alfonso, che prometteva di destinare fondi regionali per la giunta Ranalli. Stanziamento di cui non si è saputo più nulla e, in piena campagna elettorale, un nuovo annuncio da palazzo di città riempie le pagine dei quotidiani, anche on line.

Via Turati, per l’esattezza sono stati promessi 500 mila euro per la messa in sicurezza finanziamenti regionali. Ne trattò anche il movimento di identità e territorio Italica, l’intervento era del coordinatore Alberto Di Giandomenico.

Ora, per via Turati si annuncia uno stanziamento di 830 mila euro per la messa in sicurezza. Benissimo, le gole profonde di palazzo San Francesco però riferiscono che probabilmente sarà acceso un mutuo per far fronte al finanziamento dell’intervento annunciato. Onde evitare di aggravare la situazione economica del Comune, per sistemare l’area, non sarebbe il caso di verificare che fine abbia fatto lo stanziamento regionale promesso 4 anni fa, relativo al dissesto idrogeologico? É stato speso, è stato perso? Come e perché, soprattutto chi ne è il responsabile. Di seguito la promettente lettera del già governatore d’Abruzzo, oggi senatore della Repubblica, Luciano D’Alfonso al sindaco Giuseppe Ranalli che circa 7 mesi dopo sarà colpito dalle dimissioni contestuali dei consiglieri.

Lettera D’Alfonso a Ranalli su dissesto e finanziamento anche per via Turati