Il Piano neve di Sulmona ha funzionato? Partecipa al Sondaggio

Sulmona (Aq). Ieri i ringraziamenti del vice sindaco Nicola Angelucci a tecnici, funzionari comunali e ditte per l’enorme sforzo fatto per sgomberare la strade, era la nota in cui si annunciava la riapertura delle scuole liberate dalla neve. Nemmeno per i volontari sono stati così riconoscenti gli amministratori locali.

Aggiornamento

Foto del 7.1.2019

I volontari, anche se spalano l’intero versante occidentale della valle,  anche se liberano aree pubbliche completamente dimenticate da Dio di fatto nessuno li pensa. Nessuno li guarda se evitano l’isolamento di strutture dove ci sono esseri viventi da curare e sfamare, ma perché? Eppure a differenza delle ditte, dei funzionari, degli assessori, molti Volontari si muovono gratis? Se si accontentano glielo diciamo noi GRAZIE con un bagno di umiltà e un po’ di riconoscenza che non fa mai male.

Genitori e bambini stamane sono stati alle prese con il ghiaccio, tra le montagne russe, in coda per decine di minuti per raggiungere le scuole. A rischio scivoloni e strappi muscolari sui marciapiedi pieni di neve o di ghiaccio quasi a riscrivere la storia dell’ortopedia locale con una media di ricoveri in reparto che avrà di certo un picco, in queste ore.

In breve, da palazzo San Francesco il comunicato di ieri sembrava sancire il successo del Piano neve di Sulmona perché ruspe e spazzaneve, almeno dalla nota, avevano fatto un gran lavoro  liberando gli istituti dalla coltre bianca e restituendo ai cittadini strade e marciapiedi. E il sale?Stamane alla collaborazione e al buon senso demandato ai cittadini aggiungiamo una domanda:  il Piano neve di Sulmona ha funzionato? Presto comunicheremo l’ardua sentenza.