Intitolata a Giuseppe Bolino la Biblioteca del Consiglio Regionale

L’Aquila celebra Giuseppe Bolino, sulmonese che ha scritto la storia della Regione Abruzzo e il capoluogo questa mattina ha ricordato il grande amministratore regionale intitolandogli la Biblioteca del Consiglio regionale dove, tra i testi, spicca proprio la sua biografia a cura di Ezio Mattiocco.

In tanti hanno partecipato stamane alla cerimonia (Vai a galleria) e salutato con affetto, Giorgio Bolino, figlio del grande Presidente del Consiglio.

Attento al Mezzogiorno e impegnato nella Deputazione abruzzese di storia patria, con le sue scelte e la sua intenza attività Bolino ha anticipato i tempi, definendo per l’Abruzzo nuovi orizzonti al di là dei confini geografici, forte e gentile come tanti abruzzesi, Bolino plasmò le aree interne e la sua Sulmona con proposte e l’idea di delineare una nuova figura di ente territoriale, il Comprensorio. Una ridefinizione dello spazio che potrebbe essere alla base dell’idea di area vasta.

Che fino ha fatto la targa in ospedale. Grazie all’impegno di questo grande insegnante e Partigiano autentico, l’ospedale di Sulmona fu dotato di una nuova ala con un intervento finanziato dalla Regione e supportato da Bolino. Stessa struttura da poco restaurata rimasta orfana però della targa intitolata a Bolino per l’impegno profuso anche a tutela dei diritti del malato e del diritto alla salute nel comprensorio Peligno. E mentre a Sulmona si spegne anche dal punto di vista culturale, le biblioteche son chiuse e gli spazi si riducono a stanzette sguarnite e rumorose, l’Aquila dà spazio a tutto ciò che distrattamente, o per incapacità, il capoluogo Peligno perde.

mariatrozzi77@gmail.com

Cerimonia Biblioteca regionale a Bolino