Inchiesta Tagliacozzo, in 9 a giudizio, incluso ex sindaco. Prima condanna

Con altri 8 imputati, l’ex sindaco di Tagliacozzo (Aq), è stato rinviato a giudizio nell’ambito dell’inchiesta a marzo 2016 aperta su una serie di appalti dalla procura della Repubblica del tribunale di Avezzano. A coordinare le attività d’indagine, dopo il pubblico ministero Roberto Savelli, è il pm Andrea Pedalino.

Le indagini sono state condotte dai Carabinieri agli ordini del’allora Comandante della Compagnia di Tagliacozzo, Edoardo Commandè.

L’ex primo cittadino, Maurizio Di Marco Testa che dovrà rispondere delle accuse di concussione, turbata libertà degli incanti e turbativa d’asta prosciolto solo dall’accusa di concussione rivolta da un tecnico comunale. Nel rito abbreviato, a carico dell’architetto Carlo Tellone, condanna a 2 anni e 8 mesi  per concussione e tentativo di turbativa. Tellone è prosciolto dalle accuse di turbativa d’asta. A giudizio, sempre per turbativa d’asta anche Gianpaolo Torrelli prosciolto però dalle accuse di concussione, frode nelle pubbliche forniture e falso materiale. L’imprenditore Mauro Volpe è prosciolto dalle accuse così come l’ex assessore Gabriele Venturini e il grafico Alessandro Di Michele.

Archivio

Lettera intimidatoria e pallottola all’accusatore del sindaco da cui parte l’inchiesta appalti a Tagliacozzo

Tagliacozzo. Arrestati sindaco, assessore e professionisti: 16 indagati per l’inchiesta appalti

Inchiesta appalti Tagliacozzo. Il Riesame libera tutti per vizio di forma, ciò non cambia l’impianto accusatorio

Inchiesta appalti: 4 ore di interrogatorio di garanzia in carcere per il sindaco di Tagliacozzo