Per non giocarsi la Maiella? Lo storico direttore Cimini prese in gestione le aree sensibili

Sullo scempio in corso a Fonte Romana, habitat prioritario protetto dalla direttiva dell’Unione europea (92/43/CEE Habitat n. 9210 – Faggete appenniniche con tasso e agrifoglio) nel cuore del Parco nazionale della Maiella, interviene uno storico direttore, Nicola Cimini che suggerisce un metodo efficace per evitare danni tanto gravi all’ecosistema forestale del Parco Maiella..

Aggiornamento

Nicola Cimini

“Avevo preso in gestione i boschi del Comune di Pacentro (Aq), di Palena (Ch) di Sant’Eufemia a Majella (Pe), di Gamberale (Ch) e di altri comuni. Con meno di 250 mila euro l’anno si faceva conservazione vera, garantendo comunque ai Comuni il diritto di uso civico. Regione Abruzzo e Forestale ostacolarono fortemente i provvedimenti, sostenendo che venivano lesi i diritti di uso civico. Ostacolarono, ma invano – racconta Cimini – Poi al Parco è arrivata la nuova gestione del facente funzioni Oremo Di Nino e del pluriennale direttore del Consorzio industriale di Sulmona (Aq), Franco Iezzi, presidente fino a quasi un anno fa, del sindaco del Comune di Palena attualmente vicepresidente con funzioni di presidente e dell’ assessore all’ambiente della Regione Abruzzo, Mario Mazzocca.. Le risorse erano poche, si sosteneva. Occorrevano risorse per la promozione del Parco. La Conservazione del territorio? Viene dopo la promozione – aggiunge lo storico direttore del parco Maiella – E così i contratti vengono azzerati e con il denaro risparmiato si finanziano iniziative da centinaia di migliaia di euro, come Per la Maiella a Sulmona. Promuovere il Parco a Sulmona, ai sulmonesi con canti, balli, pranzi e fuochi pirotecnici, con denaro pubblico ha rappresentato il periodo più buio della storia del Parco. Dal Parco di Parks for life siamo passati al Parco delle 5 pupe. Questo disastro, ma ce ne sono tanti altri, è la conseguenza diretta di una gestione che ha ritenuto e ritiene la conservazione di ecosistemi preziosi destinati per questo a Parco nazionale un optional e non un imperativo primario. coclude Cimini – Continuo a chiedermi: cosa aspetta il ministro Costa ad intervenire per ripristinare, con la nomina di presidente e direttore, la legalità violata e denunciata da più parti? Cosa fanno le forze politiche regionali per sollecitare la soluzione dei problemi sempre più gravi dei parchi abruzzesi? Con interventi diretti e non con manifesti elettorali, la Considerazione che le forze politiche delle prossime elezioni regionali avranno dato alla tutela e conservazione del sistema regionale di aree protette non potrà non essere considerata elemento primario dai cittadini elettori che ritengono questo sistema elemento cardine di tutta la politica regionale: biodiversità, risorse idriche, stabilità idrogeologica, cambiamenti climatici, assorbimento di CO2, ossigeno, turismo.. Per meglio comprendere la gravità di quanto accaduto,come il devastante incendio di recente memoria, basta dire che l’area è abitualmente frequentata dai pochi esemplari di Orso Bruno Marsicano che gravitano sulla Maiella”.

Archivio

Interventi a Fonte Romana di Pacentro nel Parco, così ci giochiamo la Maiella