Distretto rurale valle Peligna, c’è l’ok per la costituzione del comitato promotore.

L’obiettivo è di mettere a sistema le attività del territorio legandole all’ambiente, alla cultura, alla storia e alle tradizioni. Per questo ieri si è costituito a Sulmona (Aq) il Comitato promotore del Distretto rurale della valle Peligna. Anversa degli Abruzzi è capofila del progetto cui aderiscono i Comuni di Cocullo, Pettorano sul Gizio e Cansano, tutti dell’aquilano.

La legge regionale 14/2015 garantirebbe dei benefici di tale progettualità. Entro la prossima settimana le 4 amministrazioni locali depositeranno le delibere per la costituzione di questo organismo e saranno convocati i sindaci Peligni per illustrare le caratteristiche del distretto rurale. Solo in un secondo momento verranno aggregati anche i soggetti privati.

Si punta ad allargare la partecipazione all’organismo per accedere a finanziamenti in grado di dare  un impulso allo sviluppo del territorio. “Del resto, il distretto rurale è una nuova modalità d’intervento pubblico che metterebbe a sistema le attività economiche presenti nel territorio, combinandole con ambiente, cultura, storia e tradizioni locali. Una realtà che si affiancherebbe ai distretti del cibo, previsti dalla legge di bilancio e promossi dal ministro dell’agricoltura, per i quali sono stati stanziati 5 milioni di euro per il 2018 e 10 milioni dal 2019 – spiega l’assessore Lorenzo Berardinetti, tra i promotori della legge che ha istituito i distretti rurali d’Abruzzo – Questa iniziativa consentirà alla valle Peligna di sviluppare una maggiore collaborazione tra le istituzioni e le aziende agricole, le imprese, le associazioni e tutte le altre realtà che si occupano di agricoltura e turismo ecosostenibile ..per  consentire ai territori di godere di numerosi benefici che da ciò possono  derivare”.