Salvare il Verde pubblico è possibile se si guarda in modo diverso alla Forestazione Urbana

La forestazione urbana è una delle strategie migliori per rendere le città più salubri, sostenibili e ricche di biodiversità. Per questo il Wwf ha scelto il 21 novembre come data per la Festa nazionale dell’Albero e con l’Arma dei Carabinieri lancia una nuova sfida educativa sulla natura in città rivolta alle scuole. 

Con Urban nature i giovani sono al centro dell’azione grazie alla prima edizione del video contest nazionale che ha coinvolto circa 10 mila studenti, di cui 3 mila 500 che l’associazione ambientalista ha incontrato sul territorio. Anche nella prossima edizione è confermata la collaborazione con i Carabinieri per difendere la biodiversità, la legalità ambientale, la tutela del territorio e per sensibilizzare ed educare.

Dai tetti verdi agli edifici ‘amici’ di rondini e rondoni, dalla realizzazione di giardini mediterranei per gli insetti impollinatori al recupero di aree degradate limitrofe alla scuola, mote di queste idee progettuali dei ragazzi grazie al Wwf sono conosciute dalle istituzioni locali. Le classi premiate mettono a dimora numerose piante nei giardini delle proprie scuole, proprio ora. Per il nuovo contest alle classi viene chiesto d’individuare un’azione per aumentare la biodiversità urbana: una riqualificazione degli spazi della scuola o di un’area esterna.

“È importante che partecipino anche tante scuole abruzzesi – sottolinea il delegato regionale del Wwf Luciano Di Tizio – La battaglia per la salvezza e il potenziamento del verde urbano non si può vincere contrastando ogni singolo taglio, ma soltanto facendo in modo che le istituzioni guardino in maniera diversa alla forestazione urbana. Questo risultato possono ottenerlo soltanto i giovani”.

Da tempo la comunità dei pediatri sottolinea l’importanza del contatto con la natura per crescere in modo equilibrato. La vita sedentaria, l’inquinamento atmosferico, la mancanza di contatto con l’ambiente naturale stanno provocando nei minori l’aumento di patologie come obesità, rachitismo, asma e allergie.

C’è tempo fino al 15 luglio per iscriversi e partecipare al contest inviando la scheda progetto e l’elaborato multimediale esplicativo (video, presentazione power point, blog, giornale di classe).