Paglieta incontrerà i detenuti che lo salvarono da chi gli gettò addosso olio bollente

Il settimo seminario nazionale di criminologia Ecomafia ed agromafia: analisi, riflessioni e proposte organizzato da Emanuela Piantadosi dell’associazione nazionale vittime del dovere e Mauro Nardella della Uil, in collaborazione con il liceo scientifico Enrico Fermi di di Sulmona e l’International police association.

Nel piazzale vittime del dovere, antistante l’istituto di pena, dopo la commemorazione delle vittime del dovere, curata dal presidente dell’International police association di Sulmona Giuseppe Ninu, l’assistente capo di Polizia penitenziaria, Andrea Paglieta, che un detenuto ergastolano, ndranghetista, ha aggredito versandogli addosso dell’olio bollente. L’agente incontrerà i detenuti che lo hanno strappato dalle grinfie del recluso prestandogli le prime cure. Paglieta deporrà la corona d’alloro sotto la targa commemorativa delle Vittime del dovere. Ai detenuti che hanno aiutato l’agente saranno consegnati degli attestati di compiacimento dell’associazione vittime del dovere, della Uil, dell’international police e del liceo Fermi. Un ringraziamento particolare va ai medici che hanno soccorso prontamente Paglieta e i suoi colleghi che per riportare alla calma il detenuto furibondo e folle rimasero feriti.

Allo sfortunato agente si aggiungeranno il direttore della Casa di reclusione, Sergio Romice, il comandante Sarah Brunetti e il Capo area trattamentale Fiorella Ranalli.