Disordini di settembre allo Stadio dei Marsi: daspo per 28 persone

Avezzano (Aq). Per i disordini allo stadio dei Marsi, del 16 settembre, sono stati identificati 26 uomini appartenenti alle tifoserie delle squadre in campo per la partita di calcio Avezzano-Cesena. GIà il 18 settembre sono stati arrestati 2 avezzanesi. 

Le persone identificate, dai 17 ai 46 anni, dovranno rispondere a vario titolo d’invasione di campo aggravata dal lancio di oggetti, violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento di mezzi della polizia, porto  di oggetti atti ad offendere, in occasione di una manifestazione sportiva, travisamento in luogo pubblico.

A carico sia dei 2 arrestati, sottoposti all’obbligo di firma dopo la convalida dell’arresto, che dei denunciati, grava il divieto di accesso ai luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive (Daspo), per una durata complessiva di 93 anni. Per 7 persone il Daspo è di 5 anni, per atri 5 è fatto l’obbligo di presentazione agli uffici di polizia durante e partite perché già destinatari di daspo delle questure dell’Aquila, Forlì (Cesena) e Teramo. Per altri 4 tifosi il Daspo sarà valido 4  anni, di cui 3 con obbligo di presentazione. Valido 3 anni il Daspo destinato ad altri 8 identificati nei disordini e 2 anni per altri 9 tifosi violenti. Con il Daspo non potranno accedere ad alcun impianto sportivo del territorio dell’Unione europea  in cui si  disputano competizioni e partite di calcio di ogni genere anche amichevoli. È incluso il divieto di sosta, trasporto e transito nei luoghi in cui sono presenti i partecipanti alle competizioni sportive  e così è fatto divieto di transito nelle aree interessate dalle competizioni sportive prima, durante, e tre ore dopo il termine degli incontri.