Festival del cammino alla Riserva Lago di Penne con percorso e carta dei sentieri nuovi

È stato intitolato Festival del cammino percorsi sostenibili l’evento che per 2 giorni, facendo perno sulla Riserva naturale regionale e Oasi Wwf Lago di Penne, consentirà di parlare di turismo sostenibile, del varo di un nuovo sentiero e la presentazione della carta che i percorsi di quel territorio.

Domani alle ore 16, con il seminario Campus Gran Sasso live sarà presentato il progetto fare centro, in programma a Campo delle Piane, frazione di Montebello di Bertona (Pe), a 2 km dal centro visite della Riserva. Partecipano il sindaco di Montebello di Bertona Venanzio Fidanza, il presidente del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Tommaso Navarra, il presidente LAMU Gabriele Rosa, il presidente Irisambiente Maurizio Bocci e ancora Leonardo Di Fabrizio della Cooperativa L’Arca, Antonio Stroveglia di Wolftour e il critico dell’arte sostenibile Marco Eugenio Di Giandomenico. È prevista la proiezione di immagini in sequenza sulle quattro stagioni di Campo Imperatore realizzate da Roberto Mazzagatti della Cooperativa L’Arca.

Lunedì a Penne, il programma spazia invece lungo l’intera giornata. Il primo appuntamento è previsto già alle 9 presso il terminal dei pullman parte il nuovo sentiero Serafino Razzi che da Fonte nuova arriva sino alle Pinetina collegando di fatto il centro urbano all’Oasi; da qui i partecipanti, tutti insieme, potranno apprezzare in anteprima questa magnifica passeggiata che dopo 5 km in mezzo alla natura e ai campi li condurrà sino al Centro visite della Riserva, Laboratorio Edizioni, dove è in programma un incontro con Gabriele Rosa, presidente dell’associazione Lamu (Libera accademia del movimento utile). Si parlerà infatti proprio di movimento utile, e sarà l’occasione giusta per illustrare la nuova carta dei sentieri della Riserva, una serie di percorsi rigorosamente riservati a chi va a piedi o in bicicletta. Si parlerà anche, più in generale, del turismo legato alle aree protette, che già è ma ancor più dovrà diventare un eccezionale volano per l’economia e la qualità della vita dei territori coinvolti. È prevista la partecipazione per la Regione del presidente Giovanni Lolli e dell’assessore ai parchi Lorenzo Berardinetti, per il Comune di Penne del sindaco Mario Semproni e dell’assessore Nunzio Campitelli, del commissario del Consorzio di Bonifica Centro Luciana Di Pierdomenico, di Francesco Cutilli (Penne Cammina), del presidente del Distretto turistico del Gran Sasso Claudio Ucci, di Sergio Rozzi (Erci Team Abruzzo), del delegato Abruzzo del Wwf Italia Luciano Di Tizio e del critico dell’arte sostenibile Marco Eugenio Di Giandomenico. Il tutto con il coordinamento del Direttore dell’Oasi e Riserva Naturale Regionale “Lago di Penne” Fernando Di Fabrizio. Alle 13.30, percorrendo la seconda parte del sentiero (altri 5 km) i partecipanti potranno rientrare al terminal pullman di Penne.

Nel pomeriggio seconda parte del programma, questa volta a Collalto presso il Cea Antonio Bellini” dove, alle 16.30, Dario Ricci del Cea, Fernando Di Fabrizio della Riserva e Alessandro Galli della scuola Steiner Origlio presenteranno il progetto Il paesaggio a mosaico e il rapporto tra piante e animali resilienti. Si continuerà quindi con una tavola rotonda su “Il progetto la Porta dei Parchi per lo sviluppo delle aree protette in Abruzzo – Penne, Avezzano, Sante Marie, Carsoli, Roseto. Interverranno Gilberto Petrucci (Comune di Penne), Bruno Celupica (Regione Abruzzo), Igino Chiuchiarelli (Parco Sirente-Velino), Piero Antonacci (Rup Comune di Penne), Patrizio Schiazza (Ambiente e/è Vita), Osvaldo Locasciulli (Oasi WWF Lago di Penne) e Loris Baldassarre (Programmi di cooperazione Italia-Cina). Parteciperanno inoltre Roberto Rosso, direttore del Master fotografia Accademia Belle Arti di Brera – Milano, e l’artista Giusy D’Arrigo. Premio Fotografia del paesaggio sostenibile e dalle 18 si parlerà invece di libri con 2 presentazione L’ultima ascensione di Mario Cambi e Paolo Emilio Cicchetti, firmato dall’alpinista Pasquale Iannetti, e Campo base Rigopiano, opera dell’ambientalista Fernando Di Fabrizio. Una giornata intensa che si concluderà piacevolmente alle 20 con una cena al Ristorante Collalto del Cea Bellini. Resta inteso che in caso di maltempo si dovrà rinunciare per forza di cose alla passeggiata, mentre sono comunque confermati gli appuntamenti in calendario dalle 11 in poi.