Ovunque, ma non a Pratola: prima a portare in Regione il progetto di Polo della Protezione civile

Praticamente scippato alla valle Peligna che lavorava al progetto da decenni, ancor prima dei terremoti e degli incendi che hanno devastato la regione verdognola dei parchi. Struttura fondamentale negata a Pratola Peligna (Aq) che con gli altri Comuni della valle e soprattutto gli ambientalisti chiede da un secolo, senza esagerazione, di riconvertire a fini di pace la polveriera di colle San Cosimo, ex fabbrica di polveri da sparo Dinamite Nobel a metà del ‘900 a servizio poi del Polo chimico di Bussi officine. Tramonta definitivamente il Polo logistico di Protezione civile nazionale nella conca. É stato sbriciolato in altri territori perché, dicono, si gestisce meglio una emergenza spalmando i presidi per gli interventi un po’ ovunque, non dove però ce n’è davvero bisogno: nemmeno l’ombra di un polo logistico di protezione civile in un territorio a massimo rischio sismico, bruciacchiato e incendiato, terremotato. ma messo fuori dal cratere aquilano, dove covano la faglia profonda e un po’ più su la faglia parallela del Morrone, tra le più pericolose, a detta dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).

Foto Maria Trozzi
Cartolina del Comitato cittadini valle Futura

Meglio in altri luoghi dell’aquilano, ad Avezzano e Preturo ed ora è confermato che anche Alanno (Pe) ospiterà una sede della colonna mobile di protezione civile dell’Ana (Associazione nazionale Alpini) per i Centro Sud, completando così l’assetto e il quadro logistico regionale di gestione delle emergenze. In Abruzzo si chiude con la previsione anche di poli provinciali, a Teramo e Chieti, per i soccorsi.

In provincia di Pescara e dell’Aquila sono individuati i 3 poli di Protezione civile attrezzati per lo stoccaggio di mezzi e materiali della Colonna mobile impiegata in Abruzzo. É interregionale poi il Polo operativo di Preturo dell’Aquila (Polo operativo, formativo e di aviotrasporto per le emergenze e per la lotta agli incendi boschivi) a cui si aggiungono il Polo logistico nazionale di Protezione civile di Avezzano (con materiali e mezzi del dipartimento nazionale) e il Polo logistico di Protezione civile regionale e sede Centro-Sud della Colonna mobile dell’Ana di Alanno (Pe). Con delibera di giunto, a giugno, è stata confermata anche l’individuazione di 2 ulteriori poli logistici di protezione civile nelle province di Teramo e Chieti che, con questa organizzazione, dovrebbero ridurre i tempi di percorrenza per gli interventi in emergenza.

É del 12 giugno il compr’approvazione del provvedimento di giunta regionale con il quale si prevede anche una terza sede regionale di protezione civile ad Alanno per ospitare parte della Colonna mobile nazionale dell’Ana (Associazione nazionale Alpini), in più i mezzi e i materiali della colonna mobile della protezione civile regionale. Ad accogliere la struttura è un immobile del Consorzio per lo sviluppo industriale Asi val Pescara.

L’Ana, con una nota del presidente Sebastiano Favero, si fa carico delle spese e dei lavori di adeguamento ed ampliamento del fabbricato mentre la Regione si impegna a favorire l’assegnazione dei locali all’Ana Abruzz per  un Polo logistico di protezione civile (Pc) regionale. Con la delibera del 16 ottobre “la Regione ha formalmente riacquisito la disponibilità dello stabile destinandolo a Polo logistico di Protezione civile regionale e sede Centro-Sud della colonna mobile di Pc dell’Ana, ha approvato la relativa convenzione e poi ha affidato all’Ana l’immobile e i relativi spazi ad Alanno in regime di concessione in comodato gratuito per la durata di 10 anni” spiega il sottosegretario  regionale con delega alla protezione civile Mario Mazzocca.

«L’assegnazione del centro operativo di Pc Ana ad Alanno è di ottimo auspicio per l’esercitazione Vardirex (Various disaster relief management exercise nuovo modello d’intervento in situazioni di emergenza che prevede uno schieramento in campo di centinaia di persone delle forze armate, dell’associazione nazionale Alpini e del dipartimento di Protezione civile, presentato il 12 ottobre 2018 ..ndb) che l’Ana, in collaborazione con l’Esercito italiano ed in particolare con il IX Reggimento Alpini si appresta a svolgere dal 18 al 20 ottobre all’Aquila” spiega il presidente della sezione Ana Abruzzi Pietro D’Alfonso che il centro, oltre ad essere un deposito di una parte della colonna mobile Ana sarà un centro di addestramento ed  esercitazioni di Pc. «L’impegno ed il lavoro congiunto mio e del sottosegretario Mazzocca hanno fatto sì che una struttura regionale inutilizzata, comunque ubicata in una posizione strategica sul territorio di Alanno, diventi oggi un importante polo regionale e nazionale di protezione civile in collaborazione con l’Ana” dichiara il Sindaco di Alanno Oscar Pezzi. Nella stessa struttura è insediato da tempo un distaccamento del Corpo nazionale dei vigili del fuco che il primo cittadino crede debba essere potenziato.

 «Con il Polo Logistico di Alanno si dà una risposta concreta agli stati emergenziali della fascia costiero-collinare conclude Mazzocca – La particolare gravità delle avversità meteo degli ultimi anni ha imposto un ripensamento della logistica sul territorio che dovrà essere basata su una copertura sempre più diffusa e disseminata oltre che gerarchicamente chiara.. Da quando nel febbraio del 2017 nacque l’idea, abbiamo lavorato insieme condividendo un percorso comune.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Avezzano scippa all’Aquila il Polo di Protezione civile nato per la polveriera San Cosimo di Pratola 

Polo logistico di Protezione civile a San Cosimo, mezzo progetto dirottato all’Aquila

Polo logistico Protezione civile: si lavora su Preturo, sfuma l’ipotesi di colle San Cosimo

Polo Protezione civile: Preturo versus San Cosimo. Santilli: ‘I sindaci chiedano la smilitarizzazione del colle’

Santilli ai sindaci: insieme per il Polo logistico Pc a San Cosimo, inserito nel programma regionale 10.11.2016

Riconversione San Cosimo: ‘Dipende dalla Regione’ così Gentiloni, ma tutto Tace 2017

Faglia Morrone. Prevenzione sismica, ma non per la centrale di spinta e il metanodotto Snam

Trip a Bussi Officine: nella discarica dei veleni tra le più grandi d’Europa