Lolli propone emendamento su decreto Genova per non prelevare dal Masterplan i fondi per sicurezza autostrada

Per il caso Masterplan Abruzzo, è a rischio per la messa in sicurezza dell’autostrada gestita da Strada dei parchi, concessionaria delle A24 e A25, il presidente vicario d’Abruzzo Giovanni Lolli chiede a deputati e senatori abruzzesi un emendamento soppressivo di una parte del decreto Genova con cui si prevede di prelevare 250 milioni di euro dal fondo Masterplan Abruzzo per i lavori di somma urgenza sull’infrastruttura autostradale. . 

Il Movimento 5 stelle su posizioni diverse sull’importo da prelevare dicono che i fondi “sarebbero restituiti alla disponibilità della Regione Abruzzo per i progetti previsti nel Masterplan. “Il Piano operativo nazionale per le Infrastrutture esiste ed è dotato di risorse sufficienti per far fronte all’emergenza viadotti autostradali e ripristinare le condizioni di sicurezza su di una infrastruttura che appartiene allo Stato” spiega in presidente vicario.

In alternativa a questa soluzione, secondo il presidente vicario, ne esisterebbe una seconda: “Oltre a 58 milioni anticipati a suo tempo dal governo e già utilizzati dal gestore delle autostrade dei Parchi, Carlo Toto, ci sono altri 112 milioni di euro anticipati al gestore a valere sulle royalties di utilizzo delle autostrade da parte degli utenti per un periodo di 2 anni, i rimanenti 80 milioni mancanti per arrivare alla somma dei 250 milioni necessari potrebbero essere versati al 50% ciascuno, dalle Regioni Lazio e Abruzzo”. Il problema della messa in sicurezza dei viadotti e del loro stato di degrado è stato affrontato per la prima volta dal nostro blog a maggio 2017, dopo il crollo del ponte Morandi a Genova è diventato un caso nazionale.

Viadotti di Cocullo (Aq) 6 maggio 2017

Le creaTure deLL’ingegner Morandi

mariatrozzi77@gmail.com

 

Archivio

Tragedia ponte Morandi, l’ingegnere realizzò anche in Abruzzo dei capolavori