Istituita l’Oasi affiliata Wwf del Fosso Giardino

Con la firma apposta sulla relativa convenzione dal presidente del Wwf oasi, Antonio Canu e dalla responsabile della cooperativa Clematis, Morena Ciapanna, è stata istituita questa mattina l’Oasi affiliata Wwf del Fosso Giardino.

Il Fosso Giardino è un piccolo corso d’acqua che scorre parallelo al fiume Tronto, circa 3 km più a Sud, dal territorio comunale di Colonnella fino a Martinsicuro in una dolce vallata coltivata, tra la contrada di San Martino e via del Semaforo, dove attraversa il Parco Sociale La Pineta, il primo in Abruzzo, istituito dalla Coop. Clematis nel 2010.

La nuova oasi affiliata è un sito di grande fascino (si veda in proposito il depliant allegato al presente comunicato), che rappresenta da oggi la porta a nord del sistema delle Oasi WWF abruzzesi. La piccola area (circa 7 ettari) tra la valle del Tronto e la val Vibrata è ricca di flora e fauna di pregio: non a caso la Societas herpetologica italica, sodalizio che raccoglie gli studiosi che si occupano di anfibi e rettili, il 28 ottobre dello scorso anno vi ha istituito il sito Ared bosco e calanchi di Martinsicuro – Area di rilevanza erpetologica (ITA114ABR008).

Non mancano anche le curiosità storiche: accanto ai salici e ai pioppi ricchi di avifauna che caratterizzano il Fosso, sul costone a est sono presenti per circa un ettaro pini di Aleppo piantati negli anni ’70 dal direttore della notissima rivista Fotografare Cesco Ciapanna e dal cugino omonimo. L’ennesimo lembo di natura, insomma, che merita di essere visitato e conosciuto e sul quale il Wwf scommette con il suo prestigioso marchio. Si tratta peraltro della prima Oasi urbana legata al Wwf in Abruzzo: una speciale tipologia di area protetta che rappresenta un modo per avvicinare i cittadini alla natura portandoli a conoscere e ad apprezzare gli angoli di biodiversità che resistono all’interno o in prossimità dei centri abitati.