Microdiscarica vicino al Torrente Vibrata segnalata dal Wwf

Teramo. Più controlli e videosorveglianza chiede il Wwf Teramo dopo l’ennesima microdiscarica scoperta vicino al torrente Vibrata dall’associazione che ha segnalato ivicino al torrente Vibrata tutto al Comune di Alba Adriatica.

Il Comune ha subito risposto che si sarebbe attivato per la rimozione dei rifiuti abbandonati nella contrada che prende in prestito il nome  dal torrente, nel tratto di strada che dal bivio di Corropoli sale verso Tortoreto Alta. L’accumulo di rifiuti di vario genere è presente da tempo e peraltro l’area è da sempre interessata da questo tipo di microdiscariche totalmente abusive. Negli anni passati il Wwf e altri organismi hanno anche organizzato giornate di pulizia nell’area. “Questo tipo di comportamento è altamente incivile e rappresenta, oltre che un notevole danno ambientale, anche un danno economico per la collettività perché il Comune è poi tenuto ad intervenire a proprie spese con un’opera di bonifica – interviene in una nota l’associazione – L’abbandono dei rifiuti lungo i corsi d’acqua della nostra provincia è purtroppo molto diffuso e rappresenta un vero e proprio campanello d’allarme. In altre regioni d’Italia questi fenomeni sono legati alla malavita organizzata e il passo dall’abbandono di rifiuti urbani ai più pericolosi rifiuti industriale è spesso molto breve”. Sono necessari più controlli sul territorio anche attraverso la videosorveglianza, non risolverebbe il problema la chiusura delle strade di accesso ai lungo fiumi  proposta dall’associazione ambientalista.